Bpm-Banco Popolare, trattative serrate per chiusura entro febbraio -fonti

mercoledì 3 febbraio 2016 18:11
 

MILANO, 3 febbraio (Reuters) - Nonostante qualche frizione e intoppo i colloqui tra Bpm e Banco Popolare per una fusione procedono in modo intenso mantenendo fisso l'obiettivo di arrivare ad annunciare una formalizzazione entro febbraio.

Lo riferiscono alcune fonti vicine alla situazione specificando che gli ultimi nodi da sciogliere riguardano in particolare la governance e le deleghe, ma anche sui concambi si sta lavorando a ritmi serrati, con riunioni continue. Un incontro è in calendario anche domani.

"Si tratta di una normale dialettica, non ci vedo nulla di strano in trattative così delicate. Bpm vorrebbe qualcosa di più in termini di parità di governance", dice una fonte che quanto alla tempistica prevista ritiene che "non si vada troppo oltre i due consigli previsti sui bilanci".

Il consiglio di gestione di Bpm per l'approvazione dei risultati 2015 è fissato per il prossimo 8 febbraio, il giorno successivo sarà la volta del Cda del Banco Popolare.

Gli stessi vertici delle due banche durante il Forex di sabati scorso avevano indicato di febbraio come mese decisivo.

Una seconda fonte, più cauta, aggiunge di "sperare" che si possa chiudere entro febbraio, senza escludere quindi qualche ritardo.

Lo schema dell'operazione emerso nelle scorse settimane prevedeva, nell'ambito di una governance di tipo monistico, un Cda composto da 7 consiglieri espressione di Bpm e 9 di Banco Popolare oltre a tre indipendenti.

Le ultime discussioni si starebbero invece concentrando attorno all'ipotesi di una parità assoluta di 8 consiglieri a testa più 3 indipendenti. In questa partita, ancora aperta, un'ultima limatura sarebbe quella di non inserire l'AD di Bpm Giuseppe Castagna, in quanto Ceo in pectore, nel 'pacchetto' dei consiglieri espressione di Bpm.

Non sarebbe messo in discussione invece l'assetto principale di vertice che vede, oltre a Castagna Ceo, Carlo Fratta Pasini, attuale presidente del Cda del Banco, alla presidenza del nuovo gruppo.   Continua...