PUNTO 1-Zona euro, rischi al ribasso su prospettive economia - Draghi

lunedì 1 febbraio 2016 19:47
 

(Aggiunge dichiarazioni)

FRANCOFORTE, 1 febbraio (Reuters) - Da parte della Banca centrale europea proseguirà il contributo che le spetta a sostegno della ripresa economica, i rischi sulle prospettive di crescita e inflazione sono però sbilanciati al ribasso, con la fonte principale delle incognite rappresentata dai mercati emergenti.

Lo dice il presidente Mario Draghi, ricalcando il messaggio con cui si è conclusa l'ultima riunione mensile sui tassi.

"Le prospettive di crescita sono in fase di graduale miglioramento nel caso delle economie avanzate, lo scenario è però molto più debole se si guarda ai mercati emergenti. In linea generale, il ritmo di crescita resta modesto se paragonato agli standard storici", spiega al parlamento europeo.

"La Bce è disponibile a fare la propria parte in modo da garantire che la ripresa resti avviata", commenta, prima di passare a elencare i rischi che potrebbero metterla a repentaglio.

La minaccia principale è a parere del presidente Bce il clima economico globale, la situazione del sistema finanziario, le politiche economiche nei singoli Paesi della zona euro e l'incertezza politica intorno al "progetto europeo".

Draghi ha ribadito che la Bce è pronta a rivedere la linea della sua politica monetaria all'inizio di marzo.

Il presidente ha anche fatto appello affinché si trovi una soluzione per mantenere il Regno Unito all'interno dell'Ue, dicendo che un accordo del genere darebbe una spinta alla fiducia.

"Cittadini e mercati sono spesso insicuri riguardo alla nostra capacità di agire congiuntamente in una spirito di responsabilità comune. Dovremmo provare che si sbagliano", ha aggiunto.   Continua...