February 1, 2016 / 11:25 AM / 2 years ago

RPT-BUZZ BORSA-Banche in rialzo con M&A sempre più vicino, Bpm-B.Popolare pronte al via

4 IN. DI LETTURA

(Elimina refuso nel testo) ** Settore bancario postitivo a Piazza Affari in un mercato pronto al fischio di inizio della stagione delle fusioni e che si posiziona sull'operazione più vicina, ovvero l'attesa integrazione tra Bpm e Banco Popolare.

** Nel frattempo gli investitori ragionano su un'altra partita dell'M&A, ben più difficile, che vede come protagoniste Mps e Ubi con quest'ultima, secondo gli analisti, unica alternativa realizzabile nel panorama bancario italiano per la banca senese.

** Il comparto bancario italiano ha avuto una partenza pesante nel 2016 con un calo del 23% da inizio anno e pur in un contesto di mercato incerto e volatile gli operatori si attendono un rimbalzo.

** In occasione del Forex il governatore della Banca d'Italia Iganzio Visco ha ribadito che le banche italiane sono ben patrimonializzate e che le loro nuove sofferenze si stanno riducendo. Con il meccansimo di garanzia sulle sofferenze messo a punto dal governo dopo l'accordo concluso con la Ue sarà più facile creare un mercato dei crediti deteriorati e può aiutare il riequilibrio dei bilanci delle banche, ha aggiunto Visco.

** Alle 12,00 Banco Popolare segna un rialzo del 6,5% a 9,07 euro e Pop Milano del 2% a 0,76 euro. Mps avanza dell'1,2% a 0,67 euro e Ubi del 2% a 4,39 euro. L'indice del settore bancario italiano FTSE All Share guadagna lo 0,6% circa frenato dal calo di Intesa Sanpaolo (-0,7%)

** Nel corso del Forex gli AD di Banco Popolare e di Bpm hanno confermato che le trattative per una fusione sono in fase molto avanzata e che a febbraio potrebbero scoprirsi le carte. L'AD del gruppo veronese, Pier Francesco Saviotti, ha inoltre respinto l'ipotesi che vi sia bisogno di un rafforzamento patrimoniale.

** Per alcuni broker in caso di fusione tra Bpm e Banco Popolare la nuova entità avrebbe un CET 1 nell''ordine del 12% o del 13%, un livello sufficiente a sostenere ulteriori svalutazione crediti. Se viene confermato lo schema di un merger-of-equal il rapporto di concambio è di 12 azioni Bpm per ogni azione del Banco, ricordano gli analisti.

** Sul fronte Mps, Poste Italiane e una fonte del Ministero dell'Economia hanno smentito ipotesi di acquisizione della banca senese, anche se il quotidiano La Repubblica rilancia affermando che il dossier resta sul tavolo. "Un intervento su Mps stravolgerebbe l'equity story di Poste a soli 3 mesi della quotazione tramite OPV, con conseguenti ricadute sulle future privatizzazioni nell'agenda del Governo", commenta Icbpi.

** Il titolo Poste Italiane è in calo dell'1,5% a 6,72 euro.

** Secondo Equita Sim per Mps, tramontata l'ipotesi di una fusione a tre con Bpm, "è evidente che allo stato attuale l'unica alternativa realizzabile è un merger con Ubi Banca".

Il broker cita anche le ipotesi riportate dal Corriere della Sera di scorporare i crediti deteriorati delle due banche in una bad bank privata aperta anche a fondi specializzati, al fine di favorire l'operazione di fusione.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below