BORSE ASIA-PACIFICO ai minimi da 4 anni per caduta petrolio

mercoledì 20 gennaio 2016 09:15
 

INDICE                        ORE  9,10    VAR %    CHIUS. 2015
 ASIA-PAC.                     360,55       -2,78    411,31
 TOKYO                         16.416,19    -3,71    19.033,71
 HONG KONG                     18.886,30    -3,82    21.914,40
 SINGAPORE                     2.567,59     -2,69    2.882,73
 TAIWAN                        7.699,12     -1,98    8.114,26
 SEUL                          1.845,45     -2,34    1.800,75
 SHANGHAI COMP                 2.976,52     -1,04    2.850,71
 SYDNEY                        4.841,53     -1,26    5.295,86
 MUMBAI                        23.994,49    -1,98    26.117,54
 
    20 gennaio (Reuters) - Le borse dell'area Asia-Pacifico sono scese ai minimi
da quattro anni per l'ininterrota caduta dei prezzi petroliferi che sta
affossando i mercati finanziari globali.
    I prezzi del greggio hanno toccato il minimo dal 2003 dopo che l'agenzia
internazionale per l'energia ha avvertito che l'eccesso di offerta potrebbe
continuare almeno fino a fine anno. Il futures Usa è sceso del 3% circa a
27,68 dollari al barile mentre il Brent crude ha perso il 2% a 28,21
dollari.
    In Asia, l'indice MSCI, che non comprende Tokyo, alle 9,10
perde il 2,8% circa, ai minimi da ottobre 2011. L'indice Nikkei ha
terminato la seduta con un ribasso del 3,71%.
    A guidare i ribassi è stata la borsa di HONG KONG con l'indice
principale in calo del 3,7%, peggiore performance dallo scorso agosto. Prada
  in controtendenza, guadagna il 2,6.
    I dati cinesi sulla produzione industriale, gli investimenti e le vendite al
dettaglio diffusi ieri sono stati tutti inferiori alle attese.
    SHANGHAI cala di circa l'1%, limitando le perdite grazie alle attese
di nuovi stimoli all'economia dopo il dato del Pil di ieri che avevano fatto
rimbalzare l'indice del 3,25%. Il CSI300, l'indice delle aziende più
grandi di Shanghai e Shenzhen, ha perso l'1,5%.
    Anche SYDNEY è stata anche investita dalle vandite con un calo
dell'indice di 1,3%, mentre SEUL perde il 2,3%, ai minimi di quasi 5
mesi, con la moneta locale, il won, in netto calo. A vendere soprattutto gli
investitori stranieri, come nel caso di TAIWAN, che ha perso il 2%.
    L'indice azionario di MUMBAI ha toccato in corso di seduta il
livello più basso dal maggio 2014 e ha comunque perso circa 6.000 punti dal
picco di marzo 2015.

    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia