Banca Ifis, dividendo 2015 sarà 0,76 euro, vede in 2016 netto 100-105 mln

martedì 19 gennaio 2016 15:31
 

MILANO, 19 gennaio (Reuters) - Banca Ifis distribuirà sull'esercizio 2015 un dividendo di 0,76 euro per azione, in crescita rispetto alla cedola di 0,66 euro distribuita sul 2014, e ritiene corrette le stime degli analisti su un utile netto di 100-105 milioni di euro per il 2016.

Il dividendo, che verrà approvato dal Cda sui conti definitivi del 2015 che si riunirà il 2 febbraio, corrisponde a una payout del 25% in discesa dal 36,4% del 2014. "Questo perché riteniamo che gli utili dell'attività di carry trade sui titoli di Stato sia una componente destinata a rafforzare il patrimonio della banca", ha spiegato l'AD Giovanni Bossi nella presentazione sui conti 2015.

L'utile netto atteso sul 2016 si confronta con il dato del 2015 di 162 milioni (+69%) che però è stato influenzato dalla cessione di titoli di Stato e altre attività 'available for sale' per 125,7 milioni. "Gli analisti ci danno per il 2016 a 100-105 milioni ed è una stima che sposiamo", ha detto Bossi.

Il banchiere ha poi ribadito l'interesse ad acquistare nuovi portafogli di non performing loans come già accaduto nel 2015 ma si è dichiarato "in prima battuta" poco interessato agli asset delle quattro bad bank nate dal salvataggio di Banca Marche, Banca Etruria, Carife e CariChieti. "Le bad bank hanno dei portafogli crediti non performing molto interessanti ma noi siamo concentrati su quelli non garantiti e retail", ha spiegato.

Pur prediligendo a oggi la crescita per linee interne, Bossi non ha escluso che "se ci saranno opportunità di acquisizioni sul mercato saranno valutate".

"Ci guardiamo intorno, su prodotti che siano compatibili e contigui ai nostri. Non parteciperemo alle aste delle quattro banche salvate", ha poi aggiunto.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia