Unicredit, AD ribadisce no a aumento, 2015 bene nel corporate, siamo fiduciosi

lunedì 18 gennaio 2016 07:31
 

MILANO, 18 gennaio (Reuters) - L'AD di Unicredit Federico Ghizzoni si dice fiducioso per il 2016 dopo che nella seconda parte del 2015 la banca ha registrato una forte attività dell'area corporate e torna a dire, indirettamente, che la banca non ha bisogno di un aumento di capitale.

"Il 2015 si è chiuso bene dal punto di vista del business, c'è stata in particolare molta attività nell'area corporate con una crescita nella seconda parte dell'anno rispetto alla prima. Nonostante la volatilità dei mercati, c'è una reale ripresa e c'è una maggiore domanda interna in Europa, in particolare in Germania, che compensa l'attività nei paesi emergenti", ha dichiarato domenica il manager dopo aver assistito alla sfilata di Ferragamo.

Sulle prospettive del 2016 Ghizzoni ha ricordato che in Russia, dove il calo del petrolio è compensato dalla svalutazione del rublo, "vediamo un'economia migliore del 2015 seppur ancora in calo"' e che "l'Europa e' vista con una crescita dell'economia dell'1,8/1,9% di media. Rimaniamo dunque abbastanza fiduciosi pur sapendo i problemi geopolitici" che ci sono.

Quanto all'ipotesi di aumento di capitale, già più volte smentita, Ghizzoni si è limitato a dire: "Ormai non commento nemmeno più".

Prematuro, invece, parlare di sviluppi in Iran, che si apre in questi giorni al mondo dopo lo stop alle sanzioni internazionali. "Eravamo presenti nel Paese prima delle sanzioni con un ufficio commerciale, poi lo abbiamo chiuso. Certamente valuteremo questo mercato come altri mercati del Medio Oriente. È presto per dire altro".

(Claudia Cristoferi)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia