BORSA USA, indici in profondo rosso, Nasdaq livello più basso da fine agosto

venerdì 15 gennaio 2016 17:14
 

, 15 gennaio (Reuters) - A Wall Street indici in deciso ribasso, con il Nasdaq che tocca nuovi minimi da fine agosto scorso e il Dow in caduta di oltre 400 punti a seguito del crollo del prezzo del petrolio al di sotto di 30 dollari al barile.

Il ribasso è generalizzato con tutti e 10 i principali settori dello S&P in rosso e i 30 componenti del Dow in ribasso. Il settore dell'energia cede oltre il 3%, capofila delle perdite in Borsa.

Il Brent, che ha perso oltre il 20% dall'inizio dell'anno, cede circa il 5% mentre a livello globale ci si prepara a ricevere altro petrolio dall'Iran in un mercato già saturo.

"Il petrolio è in profondo ipervenduto. Il mercato azionario è profondamente in ipervenduto e l'inabilità del mercato a riprendersi dalle condizioni di ipervenduto ci dice chiaremente quanto sia debole", osserva un broker.

Poco dopo le 17,00 il Dow Jones cede il 2,45% a 15.977 punti, mentre il Nasdaq arretra del 3,09% a 4.472 punti. L'indice S&P500 arretra del 2,4% a 1.875 punti.

I colossi del petrolio Exxon e Chevron cedono fra il 3 e il 4,5%, mentre Caterpillar perde il 4,5%.

Il ribasso maggiore lo registra Intel con un calo del 9% circa a seguito dei timori sul rallentamento della crescita dei ricavi sul data center del produttore di chip che hanno offuscato il balzo dei profitti trimestrali.

Giù anche Apple che cede il 3%, il titolo peggiore al Nasdaq, mentre il ribasso del 3% di Goldman Sachs è quello che pesa di più al Dow Jones.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia