WALL STREET - Stocks to watch del 15 gennaio

venerdì 15 gennaio 2016 13:44
 

NEW YORK, 15 gennaio (Reuters) - I futures sull'azionario Usa trattano in pesante ribasso in un panorama internazionale improntato alla lettera, con la nuova discesa dei prezzi del petrolio sotto i 30 dollari al barile ad alimentare i timori per la crescita globale.

Sul fronte macro gli investitori guarderanno con particolare attenzione ai dati sulle vendite al dettaglio relativi al mese scorso, in cerca di indicazioni sulla probabilità di un nuovo rialzo dei tassi di interesse della Fed a marzo. Tra gli altri indicatori in calendario prezzi alla produzione e produzione industriale di dicembre, stima della fiducia dei consumatori a cura dell'Università Michigan di gennaio e scorte all'industria a novembre.

Ieri la borsa Usa è stata protagonista di un rimbalzo guidato dal settore energetico: il Dow Jones ha chiuso in progresso dell'1,41%, l'S&P 500 ha guadagnato l'1,67% recuperando la soglia dei 19.000 punti e il Nasdaq è avanzato dell'1,97%.

Intorno alle 13,30 italiane il futures Dow Jones e-minis perde l'1,75%, quello sull'S&P l'1,71%, quello sul Nasdaq l'1,92%.

Sull'obbligazionario i treasuries decennali salgono di 17/32 e rendono il 2,038%, i trentennali guadagnano 1*04/32 con un rendimento del 2,837%.

I titoli in evidenza:

** 26 delle 30 società del Dow che scambiano nel pre borsa sono in rosso. EXXON e CHEVRON perdono più del 2%, CATERPILLAR scivola del 3%.

** Una nota decisamente negativa arriva da INTEL, che ieri sera ha annunciato utili trimestrali forti ma relegati in secondo piano dai timori per il rallentamento della crescita dei ricavi delle attività di data center. Il titolo affonda di oltre il 6% negli scambi prima dell'avvio ufficiale delle contrattazioni.   Continua...