Usa, processo rialzo tassi da correlare a pressioni su prezzi - Lagarde

martedì 12 gennaio 2016 15:47
 

PARIGI, 12 gennaio (Reuters) - Nuove misure restrittive sui tassi di riferimenti Usa da parte di Federal Reserve vanno messe in relazione a un "fenomeno evidente" di maggior pressione sui prezzi e sui salari.

Lo dice il numero uno del Fondo monetario internazionale Christine Lagarde, nel corso di un simposio organizzato da Banca di Francia per il governatore uscente Christian Noyer.

Secondo il direttore Fmi il primo rialzo dei tassi di riferimento Usa degli ultimi dieci anni, varato ormai a metà dicembre, non ha del resto finora avuto alcuna ricaduta negativa sui mercati.

"Guardando avanti, l'elemento fondamentale sarà la tempistica del processo di normalizzazione. Siamo del parere che debba essere graduale, come concordato e sottolineato dalla stessa Fed, sulla base di un aumento della pressione su prezzi e salari" spiega.

Commentando il rallentamento del ciclo cinese, Lagarde lo definisce un fenomeno di riequilibrio sicuramente positivo in un'ottica di lungo termine, che sta però generando nel breve ricadute negative sul commercio a livello mondiale e sulle commodities. Le quotazioni di greggio e metalli rimarranno comunque sotto pressione per un periodo protratto.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia