Associazioni consumatori Italia denunciano McDonald's alla Ue

martedì 12 gennaio 2016 10:17
 

BRUXELLES, 12 gennaio (Reuters) - Tre associazioni italiane che si occupano di diritti degli utenti e dei consumatori hanno presentato un esposto all'Unione Europea contro McDonald's , accusando la catena di ristoranti fast food di comportamento anti-concorrenziale a causa delle clausole restrittive imposte agli operatori in franchise.

Codacons, Movimento Difesa del Cittadino e Cittadinanzattiva hanno depositato l'esposto ieri a Bruxelles, invitando l'antitrust europeo a intervenire.

"Il sistema creato da McDonald's solleva forte preoccupazioni in materia di legislazione antitrust", dice il testo dell'esposto letto da Reuters.

Nel mirino ci sono i contratti in franchise, che durano in media 20 anni, cioè il doppio degli altri contratti del genere, l'obbligo per i titolari delle licenze di affittare le sedi da McDonald's a tariffe superiori a quelle del mercato e a condizioni che impediscono di passare alla concorrenza, dicono le associazioni.

"McDonald's esercita un controllo eccessivo e sproporzionato sulle sue franchise applicando condizioni che eccedono ingiustificatamente ciò che è richiesto per la protezione del proprio sistema, del proprio know-how e della propria reputazione".

Secondo l'esposto le restrizioni danneggiano la concorrenza e dunque impongono prezzi più alti ai consumatori.

Non è scontato che la Commissione apra una nuova inchiesta sull'azienda. Gli esposti sono normalmente seguiti da questionari inviati alle aziende, dopo di che l'antitrust decide se è il caso di proseguire nell'azione.

A dicembre la Commissione Europea aveva già annunciato l'apertura di un'indagine sul trattamento fiscale di McDonald's in Lussemburgo.

(Foo Yun Chee) Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia