BORSA MILANO piatta dopo tentato rimbalzo, bene Saipem, giù Ferrari

lunedì 11 gennaio 2016 12:47
 

MILANO, 11 gennaio (Reuters) - Piazza Affari chiude la mattinata poco mossa dopo un tentativo di rimbalzo che per qualche ora ha vivacizzato tutti i mercati del Vecchio Continente. Si attende ora l'apertura di Wall Street, che potrebbe essere determinante in un'Europa così incerta.

"I dati macro non sono brutti, ma il contesto della Cina mette paura", dice un trader ricordando il nuovo tonfo, stamani, della borsa di Shanghai.

Intorno alle 12,40 il FTSEMib sale dello 0,1% (-7% il saldo della scorsa settimana), l'AllShare è piatto mentre l'indice europeo FTSEurofirst 300 sale dello 0,3%. Leggermente positiva l'intonazione dei futures sugli indici Usa.

** In rialzo SAIPEM (+2%) nonostate la perdurante debolezza del greggio che comprime le quotazioni del settore energetico. Il titolo beneficia dell'ipotesi di un coinvolgimento nel progetto di gasdotto Nord Stream 2.

** Sale TELECOM ITALIA (+2,7%) dopo il tonfo di venerdì. Scarso, secondo Banca Akros, l'impatto sui conti della scelta di Fastweb di usare la rete Telecom per il mobile, ma è uno sviluppo positivo nell'ottica di un approccio più collaborativo, sostiene il broker.

** Ritracciano le banche tra cui spiccano in positivo UBI e POP MILANO, mentre MPS perde più del 3% e CARIGE più del 4%.

** Rimbalzano alcuni titoli del lusso come FERRAGAMO e MONCLER, settore che ha particolarmente sofferto delle turbolenze finanziarie cinesi nei giorni scorsi. Oggi sono attesi a mercati chiusi i dati preliminari sulle vendite 2015 di CUCINELLI (+0,4%).

** Scende ancora FERRARI (-4%), anch'essa sensibile, secondo gli analisti, a un eventuale rallentamento della domanda cinese; un trader parla di un aggiustamento della valutazione del titolo, a suo giudizio erroneamente accostato al settore lusso. Bene FIAT CHRYSLER in linea con le auto europee.

** Debole GENERALI (-2%) dopo indiscrezioni stampa che ipotizzano un'uscita dell'AD Mario Greco alla volta di Zurich Insurance. "Una brutta notizia se confermata", secondo Banca Akros che crede però in un rinnovo del mandato del manager nel gruppo italiano.   Continua...