Wall Street - Stocks to watch dell'8 gennaio

venerdì 8 gennaio 2016 14:00
 

8 gennaio (Reuters) - I futures sugli indici di Wall Street
muovono al rialzo sulla scia del recupero delle borse cinesi,
del rimbalzo dei prezzi del greggio dopo i minimi dei dodici
anni toccati ieri e del rafforzamento dello yuan.
    Gli occhi degli investitori sono inoltre puntati sul dato
mensile sull'occupazione negli Stati Uniti che sarà pubblicato
oggi. Le attese sono per un aumento dei posti di lavoro non
agricoli di circa 200.000 unità a dicembre, con il tasso di
disoccupazione fermo al 5%.
    Le borse cinesi oggi hanno chiuso in rialzo, aiutate dal
rafforzamento del cambio dopo che la banca centrale cinese ha
innalzato il midpoint della banda di oscillazione dello yuan su
dollaro per la prima volta nelle ultime nove sedute. L'azionario
ha inoltre beneficiato dalla decisione di Pechino di sospendere
il sistema di blocco automatico degli scambi in Borsa,
considerato tra le ragioni delle vendite degli ultimi giorni.
    Attorno alle 13,50 italiane, il futures e-minis sullo S&P
500 sale dello 0,85%, il contratto di riferimento sul
Nasdaq dell'1,03% e il derivato sul Dow Jones 
dello 0,81%.    
    Il mercato obbligazionario è in calo: il benchmark decennale
 cede 7/32 e rende il 2,177%.
               
    Tra i titoli in evidenza oggi:
    ** CIRRUS LOGIC è in calo nel pre-borsa, dopo che
ieri il fornitore di Apple ha rivisto al ribasso le
proprie stime per il terzo trimestre. Apple è in moderato
rialzo.
    ** TIME WARNER è in rialzo di oltre il 2% nel
pre-market dopo che il New York Post ha scritto che gli
investitori attivisti potrebbero spingere la società a mettersi
in vendita o a vendere il business HBO.
    ** BAXALTA INTERNATIONAL è in rialzo di circa il
3,8% nel pre-borsa, a 42 dollari, sulle indiscrezioni che Shire
Pharmaceuticals  si sta preparando ad annunciare
un'offerta da 32,5 miliardi di dollari per la casa farmaceutica,
probabilmente lunedì. Shire sta salendo di oltre il 2% nel
pre-market.
    
    
                                                                
     Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia