BORSE ASIA-PACIFICO in calo dopo svalutazione yuan, mercati Cina sospesi

giovedì 7 gennaio 2016 08:32
 

INDICE                        ORE  8,20    VAR %    CHIUS. 2014
 ASIA-PAC.                        383,57    -2,25       467,23
 TOKYO                         17.767,34    -2,33    17.450,77
 HONG KONG                     20.390,09    -2,82    23.605,04
 SINGAPORE                      2.736,77    -2,41     3.365,15
 TAIWAN                         7.852,06    -1,73     9.307,26
 SEUL                           1.904,33    -1,10     1.915,59
 SHANGHAI COMP                  3.115,90    -7,32     3.234,68
 SYDNEY                         5.010,34    -2,20     5.411,02
 MUMBAI                        24.945,30    -1,81    27.499,42
 
    7 gennaio (Reuters) - Le borse dell'area Asia-Pacifico sono in calo e le
valute regionali perdono terreno in seguito alla forte svalutazione dello yuan,
con i mercati azionari cinesi sospesi dopo un crollo di oltre il 7%.
    L'indice MSCI, che non comprende Tokyo, ha toccato i minimi
da tre mesi e alle 8,20 perde il 2,25%. L'indice Nikkei ha concluso la
seduta in calo del 2,33%.
    A meno di mezz'ora dall'apertura dei mercati cinesi è scattato, per la
seconda volta questa settimana, un meccanismo di interruzione automatica; le
contrattazioni sono rimaste sospese per il resto della seduta.
    Le nuove regole annunciate in settimana dalle autorità cinesi, restrittive
per la vendita da parte dei grandi azionisti, non sono state accolte
positivamente dagli investitori.
    "E' folle. I regolatori cinesi hanno preso questa strada a luglio e non
possono abbandonarla. Hanno rovinato quel po' di speranza che gli investitori
ancora avevano nel mercato", dice Alberto Forchielli, fondatore di Mandarin
Capital Partners.
    Gli spreadbetter finanziari si aspettano che anche le borse europee aprano
in deciso calo.
    Pesano poi le tensioni geopolitiche, con la crisi diplomatica tra Iran e
Arabia Saudita e l'annuncio della Corea del Nord di aver testato una bomba H.
    ** SHANGHAI, con le contrattazioni sospese per quasi tutta la
seduta, ha chiuso in calo del 7%.
    ** HONG KONG ha toccato i minimi da metà 2013. Prada perde
oltre il 6%.
    ** Chiusura in territorio negativo per SEUL e TAIWAN,
rispettivamente a -1% e -1,7%.
    ** Segno meno per MUMBAI, ai minimi da tre settimane, e SINGAPORE
.
    ** Chiusura col segno meno per SYDNEY, che ha registrato il calo
maggiore da tre mesi: hanno pesato dati economici deludenti e il crollo dei
prezzi del greggio, oltre al rallentamento della crescita cinese.    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news
anche su www.twitter.com/reuters_italia