BORSA MILANO in rialzo, trainata da titoli energetici

mercoledì 23 dicembre 2015 12:29
 

MILANO, 23 dicembre (Reuters) - Piazza Affari è in rialzo di circa un punto percentuale alla vigilia della lunga pausa natalizia, in sintonia con un azionariato europeo positivo.

A mettersi in evidenza sono soprattutto i titoli energetici e quelli minerari, sostenuti dalla lieve risalita dei prezzi del greggio e delle materie prime.

Il Brent sale di 39 centesimi a 36,5 dollari il barile, mentre il greggio leggero Usa avanza di 31 centesimi a 36,45 dollari. Entrambi rimangono tuttavia ancora molto vicini ai minimi toccati negli ultimi giorni.

In Europa lo stoxx dei titoli minerari sale di quasi il 5% e quello oil&gas del 3,2%.

Intorno alle 12,15 il FTSEMIb guadagna l'1,08%, l'Allshare lo 0,98%. Volumi per un controvalore di appena 580 milioni di euro, alla vigilia della pausa natalizia. L'indice europeo FTSEurofirst 300 guadagna l'1,8%, sostenuto soprattutto dai minerari, meno presenti a Piazza Affari.

** In luce il comparto oil&gas: SAIPEM avanza del 4%, TENARIS del 3,9%, ENI sale dell'1,2%.

** Acquisti anche sul settore automotive con CNH (+2,8%) e FIAT CHRYSLER (+3,4%), meglio del comparto europeo. Un broker ritiene che Fiat Chrysler, al netto di Ferrari agli attuali prezzi di trattazione a New York, tratti a circa 7,7 euro, ovvero a multipli EV/Ebitda 2016 di 2,2 volte, a sconto di circa il 30% rispetto ai peer europei e Usa.

** Proseguono le vendite su ANIMA, che già ieri aveva lasciato sul terreno il 3% circa.

** Bancari in ordine sparso. Se da un lato si registra il balzo di BANCO POPOLARE e di MPS, dall'altro POP MILANO e INTESA SP muovono in territorio negativo. L'indice italiano dei titoli bancari è quasi piatto (+0,15%).   Continua...