Gruppo Gavio acquisisce controllo Ecorodovias con Almeida, investiti 529 mln

venerdì 18 dicembre 2015 12:15
 

MILANO, 18 dicembre (Reuters) - Il gruppo Gavio torna in Brasile con un investimento di 529 milioni di euro, acquisendo, con CR Almeida, il controllo della stessa Ecorodovias che era già stata nell'orbita della famiglia di Tortona ai tempi di Impregilo.

Questa mattina Astm e Sias hanno infatti annunciato un accordo con CR Almeida, storico azionista di Ecorodovias, per la costituzione di una nuova società di diritto brasiliano che avrà il 64% del capitale di Ecorodovias e il 55% della più piccola Vem ABC, oltre a un indebitamento finanziario visto a circa 612 milioni di euro a fine anno.

Astm e Sias sottoscriveranno un aumento di capitale riservato della newco pari a circa 529 milioni di euro, di cui 443 milioni saranno destinati a ridurre l'indebitamento.

Astm e Sias avranno il 64,1% di questa newco e CR Almeida il 35,9%. Più nel dettaglio il capitale della newco sarà diviso in azioni ordinarie (71,8% del capitale) e azioni privilegiate prive di voto (28,2% capitale): le azioni ordinarie saranno detenute per il 50% da CR Almeida e per il 50% da Astm e Sias, mentre le azioni privilegiate saranno interamente nelle mani di Astm e Sias.

In trasparenza il gruppo Gavio avrà quindi circa il 41% di Ecorodovias.

Diversi analisti sottolineano come questo accordo permetta al gruppo di Tortona di diversificare geoagraficamente la propria presenza e costituisca una buona base per il resto dell'America Latina, ma mettono anche in evidenza come il prezzo pagato sia molto alto rispetto agli attuali prezzi di mercato.

Alla chiusura di ieri Ecorodovias aveva infatti una market cap di circa 738 milioni di euro, quindi il 41% ammonterebbe a circa 300 milioni di euro.

L'accordo prevede inoltre un patto parasociale con CR Almeida della durata di dieci anni.

L'operazione sarà finanziata da Astm e Sias facendo ricorso alle disponibilità e alle linee di credito attualmente disponibili, spiega ancora il comunicato congiunto, senza però rendere noto quale sarà l'impegno di Astm e quale quello di Sias.   Continua...