Pop Etruria, ex vertici Methorios indagati per fatture false

mercoledì 16 dicembre 2015 16:09
 

MILANO, 16 dicembre (Reuters) - L'ex presidente e l'ex amministratore delegato Methorios Capital hanno ricevuto un avviso di garanzia in cui si ipotizza l'emissione di due fatture destinate a Banca Popolare dell'Etruria per operazioni inesistenti che avrebbero comportato per la banca una indebita deduzione ai fini fiscali per circa 75.000 euro su imposte dirette e circa 49.000 euro su Iva.

Lo si legge in una nota della società di consulenza quotata dopo che oggi alcuni giornali hanno scritto, attribuendo la ricostruzione ai pm di Arezzo, che Methorios avrebbe ricevuto 230.000 euro per una consulenza inesistente servita a evadere il fisco e a far arrivare denaro ad alcuni soggetti coinvolti in transazioni immobiliari effettuate dalla popolare toscana.

La nota Methorios sottolinea che le "fatture si riferiscono ad operazione effettivamente rese e debitamente fatturate nei confronti della Banca rispetto alle quali la Società ha correttamente adempiuto a tutti gli obblighi tributari".

A questo proposito la società reputa che "la contestazione sarà chiarita nelle opportune sedi giudiziali".

"In sostanza si tratta di un mero equivoco processuale del tutto estraneo alle note vicende della Banca che quanto prima sarà chiarito dalla stessa magistratura verso cui si esprime massima fiducia".

Gli abbonati Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia