PUNTO 1-Cina, miliardario fondatore di Fosun sta collaborando a inchiesta

venerdì 11 dicembre 2015 17:13
 

(riscrive con comunicato Fosun)

PECHINO, 11 dicembre (Reuters) - Fosun International ha reso noto oggi che il proprio presidente Guo Guangchang, uno dei più conosciuti imprenditori della Cina, sta collaborando con le autorità per un'inchiesta dopo che stamani, secondo la stampa locale, il gruppo aveva perso traccia del proprio fondatore miliardario.

Il gruppo ha chiarito che Guo, che all'inizio di quest'anno ha mostrato le sue ambizioni globali chiudendo l'acquisizione miliardaria della catena di resort Club Med, sarà ancora nelle condizioni di partecipare alle più importanti decisioni della società con i mezzi appropriati.

Fosun International a fine luglio ha anche acquistato Palazzo Broggi, l'ex sede milanese di Unicredit.

"I consiglieri della società sono dell'opinione che questa inchiesta non abbia comportato nessun impatto negativo concreto sulle finanze o sull'operatività de gruppo. L'attività della società restano regolari", ha detto Fosun International.

Le azioni e i bond convertibili di Fosun International, così come le azioni delle società controllate da Guo, sono stati sospesi stamani dalle negoziazioni e riprenderanno a trattare il 14 dicembre.

La sospensione è stata decisa dopo che la testata online Caixin ha alimentato le ipotesi che Guo potrebbe essere l'ultimo uomo d'affari di altro profilo in Cina ad essere interrogato dalle autorità nell'ambito di un più ampio sforzo per contrastare la corruzione nel settore finanziario.

Ieri sera tardi Caixin, citando fonti non identificate, ha scritto che Fosun non era stata in grado di contattare Guo dalle ore 6 del mattino del 10 dicembre. Un portavoce di Fosun a Hong Kong non ha voluto commentare l'articolo.

Il nome di Guo e del suo gruppo sono emersi nel corso di un'udienza ad agosto in relazione al caso di Wang Zongnan, ex presidente del gruppo statale Bright Food, che è stato condannato a 18 anni di carcere.   Continua...