Banche Italia, attese domani richieste minime a sesta Tltro Bce

giovedì 10 dicembre 2015 18:45
 

MILANO, 10 dicembre (Reuters) - Per la sesta asta Tltro della Banca Centrale europea, in agenda domani, si prevede una partecipazione minima delle banche italiane, segnale di una domanda di credito che fatica a ripartire.

Secondo le informazioni raccolte da Reuters, le principali banche italiane chiederanno nell'ultima finestra del 2015, circa 650 milioni di euro. Il dato potrebbe risultare inferiore al risultato di domani dal momento che non si hanno indicazioni su tutti gli istituti.

All'appuntamento di domani non si presenteranno la maggior parte delle banche, comprese le big Intesa e Unicredit (quest'ultima relativamente alle richieste per l'Italia) mentre parteciperanno Pop Milano e Carige che dovrebbero ottenere rispettivamente 350 milioni e 300 milioni.

UniCredit e Intesa hanno già disertato a settembre e dunque, con le prime due aste del 2015, hanno chiuso i loro programmi per l'anno con rispettivamente 7,4 miliardi e 15 miliardi.

Già nella precedente operazione di settembre, la quinta, le richieste delle principali banche italiane si erano assottigliate a 2,7 miliardi rispetto a 14,4 miliardi di giugno e a oltre 30 miliardi di marzo.

A livello di sistema bancario italiano, secondo le segnalazioni della Banca d'Italia, dai 93 miliardi tirati complessivamente nelle prime tre aste si è passati a 4 mld nell'ultima.

Il totale fin qui ottenuto ammonta per l'universo delle banche italiane a 115 miliardi, su 400 miliardi complessivamente erogati all'intero sistema bancario della zona euro dall'inizio del programma, a settembre del 2014.

Il programma Tltro - targeted long term refinancing operation - è una delle misure straordinarie varate da Francoforte per stimolare la ripresa, finalizzato in particolare a rilanciare il credito all'economia reale.

Secondo gli ultimi dati di Bankitalia relativamente ad ottobre, i prestiti al settore privato vedono una contrazione di 0,5%, identica a quella di settembre.   Continua...