BORSA MILANO piatta attende dati Usa, bene Finmeccanica, in calo Fiat

venerdì 4 dicembre 2015 12:37
 

MILANO, 4 dicembre (Reuters) - Piazza Affari chiude la mattina intorno alla parità dopo le pesanti perdite che hanno investito ieri tutti i mercati europei delusi dalle mosse della Bce. Una "reazione automatica", secondo un trader, "dovuta più ad un esagerato posizionamento sul carry trade che a reali aspettative".

Secondo un altro operatore, il mercato resterà ingessato fino alla pubblicazione dei dati sul mercato del lavoro Usa alle 14,30 italiane, "un elemento determinante per le future scelte della Fed".

** Intorno alle 12,30 l'indice FTSE Mib sale dello 0,05%, piatto l'Allshare. Il benchmark europeo FTSEurofirst300 cede lo 0,26%, positivi i derivati sugli indici Usa.

** Tonica FINMECCANICA (+2,2%) dopo che Deutsche Bank e Natixis hanno alzato il target price rispettivamente a 13,5 e a 12,5 euro.

** Prevale il segno meno tra le banche in linea con il resto d'Europa. Segno più per BANCO POPOLARE e POP MILANO, debole MEDIOBANCA, tra le più resistenti ieri alle vendite. In forte calo anche oggi CARIGE (-4,7%). Equita scrive in un report che le probabilità di un deal tra Pop Milano e Carige, fortemente diluitivo per la prima, "sono scese significativamente", mentre "comincia a farsi strada" l'ipotesi di un'operazione Pop Milano-Ubi.

** Rimbalza il lusso dopo le perdite di ieri alimentate del rialzo dell'euro in reazione alla Bce. FERRAGAMO beneficia anche della promozione di Banca Akros a "accumulate" da "neutral". YNAP sale dell'1,7%.

** Bene BUZZI su cui Ubs ha alzato il target price a 19,3 euro confermando il giudizio "buy".

** Vivace SAIPEM, positiva ENI in linea col comparto europeo.

** TELECOM positiva. Alcuni broker sottolineano che la risposta di Vivendi ad Assogesioni, in cui il socio francese ha difeso la sua richiesta di avere quattro rappresentanti in Cda, allontana l'ipotesi di un compromesso prima dell'assemblea e potrebbe quindi mantenere alta la volatilità sul titolo.   Continua...