A2A, Cogeme prende tempo, offerta 51% passerà dai consigli comunali - fonti

mercoledì 2 dicembre 2015 18:02
 

MILANO, 2 dicembre (Reuters) - Il Cda di Cogeme, proprietario del 31% di Lgh, prende tempo sulla decisione di aderire o meno all'offerta per il 51% di Linea Group presentata da A2A in scadenza il prossimo 21 dicembre. Si riunirà nuovamente il 15 dicembre e ha fissato per il 17 dicembre l'assemblea dei soci a seguito della richiesta del 10% del capitale sociale.

Nel frattempo tutti i principali comuni azionisti indiretti di Linea Group - Pavia, Lodi, Cremona, Crema e Rovato - hanno deciso che l'offerta passerà al vaglio dei consigli comunali nei prossimi giorni.

Secondo una fonte politica bresciana, il Cda di Cogeme di ieri ha preso atto del parere legale terzo affidato all'avvocato Fabio Giuseppe Angiolini che conferma quanto già sottolineato da due prececedenti pareri: per la cessione del 51% di Lgh non sarebbe necessaria una gara pubblica. "A questo punto la strada dovrebbe essere in discesa", sottolinea la fonte.

Proprio su questo punto il consiglio si era espresso negativamente, mettendo a rischio l'operazione. La maggioranza del Cda di Cogeme è espressione di Comuni guidati dalla Lega e dal centrodestra, mentre la restante parte dell'azionariato pubblico di Lgh è guidato da giunte di centrosinistra, al pari dei Comuni di Brescia e Milano, azionisti di controllo di A2A.

Una fonte vicina agli altri comuni di centrosinistra, favorevoli alla vendita ad A2A, non si sbilancia sull'esito della trattativa in corso e non esclude che possa saltare del tutto, visto che comunque il parere di Cogeme è vincolante visto che la società detiene una minoranza di blocco del 31%, fondamentale per approvare operazioni straordinarie che, per statuto, hanno bisogno del 70% del capitale.

"I sindaci dei principali comuni azionisti si sono impegnati entro la scadenza del termine a sottoporre al vaglio dei consigli la delibera sull'offerta di A2A anche se formalmente non sarebbe necessario", sottolinea una delle fonti.

(Giancarlo Navach)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia