Greenwood (Invesco) vede parità dollaro/euro a primavera, critica Qe Bce

mercoledì 2 dicembre 2015 16:44
 

MILANO, 2 dicembre (Reuters) - Il dollaro continuerà a rimanere forte, nonostante la politica monetaria divergente fra le due sponde dell'Atlantico sia già ampiamente incorporata nei prezzi, raggiungendo la parità con l'euro nella primavera prossima.

Questa la stima di John Greenwood, economista capo di Invesco.

"Molta della divergenza fra le politiche monetarie della Fed e della Bce è stata prezzata ma mi aspetto la parità ad un certo punto nel corso della primavera 2016", ha detto Greenwood.

In occasione della presentazione dell'outlook macroeconomico 2016, l'economista ha inoltre criticato l'attuale strutturazione del 'quantitative easing' nella zona euro e in Giappone, definendola inefficace nel creare massa monetaria M3.

"Per essere efficace un 'Qe' deve rispondere a due regole: le banche centrali devono acquistare titoli a lungo termine e devono acquistarli da entità non bancarie", ha spiegato.

La massa monetaria M3, considerata un indicatore anticipatore dell'attività economica, ha mostrato a ottobre una crescita annua di 5,3% nella zona euro.

"Se il Qe (della Bce) avesse seguito queste regole oggi la crescuta di M3 sarebbe più vicina al 10% che al 5%", ha concluso.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia