PUNTO 2-Engineering, fondi in trattative per quota Cinaglia, Opa a 58 euro

mercoledì 2 dicembre 2015 14:19
 

(Accorpa pezzi, aggiorna andamento titolo)

MILANO, 2 dicembre (Reuters) - Engineering ha confermato che la famiglia Cinaglia è in trattative con gli operatori di private equity NB Renaissance e Apax Partners per la cessione della partecipazione nel gruppo.

L'eventuale Opa, si legge in un comunicato, avverrà a 58 euro per azione e sarà finalizzata al delisting. Il 100% della società romana, dunque, viene valutato 725 milioni di euro.

In precedenza, una fonte a diretta conoscenza della situazione aveva anticipato l'esistenza del negoziato.

La fonte ritiene che l'esito dell'Opa non sia scontato, in quanto bisognerà verificare l'atteggiamento degli altri grandi azionisti, ovvero One Equity Partners (Oep) e Bestinver, che, secondo gli ultimi aggiornamenti dal sito Consob, detengono, rispettivamente, il 29,158% e il 9,992%.

NB Renaissance è nata dallo spin-off delle attività di private equity di Intesa Sanpaolo e dall'alleanza con Neuberger Berman. Fabio Canè, managing director dell'asset manager Usa, in particolare, secondo la fonte, sarebbe il regista dell'operazione Engineering.

La partecipazione riferibile alla famiglia Cinaglia è suddivisa tra Michele (23,176%) e la moglie Marilena Menicucci (11,970%).

Di certo, sottolinea la fonte, "Engineering deve uscire da una situazione di stallo, azionaria e industriale". Nonostante numeri in crescita nei primi nove mesi e la conferma degli obiettivi 2015, Engineering soffre storicamente una concentrazione del business in Italia, in particolare nell'ambito della PA.

Arrivato a toccare 63,9 euro, il titolo Engineering, sospeso da Borsa Italiana in attesa del comunicato, è rientrato alle contrattazioni e continua a mantenersi sopra il prezzo dell'eventuale Opa: attorno alle 14 sale dell'1,9%, a 58,9 euro con scambi intensi, oltre 128.000 pezzi, contro una media di 70.000 negli ultimi 30 giorni.   Continua...