BORSA MILANO chiude in rialzo, unica in Europa spinta dalle banche

lunedì 23 novembre 2015 17:57
 

MILANO, 23 novembre (Reuters) - Piazza Affari chiude in rialzo la seduta odierna, spinta dal settore bancario, in controtendenza rispetto al resto d'Europa.

I volumi però non sono eccessivi, intorno ai 2,3 miliardi di euro nel finale. "I mercati hanno già performato bene, per salire ancora devono esserci forti motivazioni. Da quando ci sono stati gli attentati di Parigi, qualcosa è cambiato: l'incertezza è forte e il clima si è fatto molto teso, per cui l'attività nelle sale operative si è fortemente ridotta", commenta un trader.

Un altro operatore parla di una settimana a scarto ridotto per via del lungo weekend festivo negli Usa, che inizierà giovedì con il Thanksgiving Day. "L'attenzione è tutta rivolta alle decisioni della Bce giovedì 3 dicembre", aggiunge.

** L'indice FTSE Mib sale dello 0,7%, l'AllShare dello 0,65%. Da oggi gli orari di negoziazione hanno subito delle modifiche con la fase continua che termina alle 17,30 e non più alle 17,25. Il benchmark europeo FTSEurofirst 300 cede lo 0,19%.

** Bene le banche che salgono in media dell'1,2% contro il +0,27% del settore europeo, come MPS (+2,28%), MEDIOBANCA (+2,18%), UNICREDIT (+1,5%). Bene anche le popolari. I trader sottolineano l'impatto positivo sul "sentiment" del mercato della 'soluzione di sistema' trovata per il salvataggio delle quattro banche commissariate (CariFerrara, Banca Marche, Banca Etruria e CariChieti).

** Tonica CNH (+2,7%) che prosegue il recupero delle perdite registrate a metà mese, sale anche FIAT CHRYSLER (+1,53%) che ha avviato le procedure per quotare Ferrari anche in Italia.

** Misto il comparto del lusso con MONCLER e FERRAGAMO ancora deboli, in ribasso rispettivamente del 2,35% e dello 0,63%, mentre recupera dal calo iniziale TOD'S (+0,51%) dopo l'accordo per rilevare dalla famiglia Della Valle il marchio Roger Vivier. Il settore è particolarmente sensibile agli allarmi sugli attentati in Europa che potrebbero condizionare i flussi turistici e quindi le vendite. Stesso discorso per Autogrill che cede lo 0,83%.

** Spunti anche su TENARIS <TENR,MI> che balza del 3,26% in scia del recuperto delle quotazione del greggio.

** Tra i titoli più piccoli CARRARO balza del 5,56% dopo l'accordo per la cessione del 55% della tedesca O&K Antriebstechnik a Bonfiglioli.   Continua...