Eni, per Renzi impegno in Egitto non solo business ma aiuto geopolitico

martedì 17 novembre 2015 13:54
 

ROMA, 17 novembre (Reuters) - L'impegno di Eni in Egitto non è solo importante dal punto di vista economico ma anche da quello geopolitico, poiché offre maggiore stabilità a un'area cruciale anche in funzione anti terroristica.

Lo ha detto Matteo Renzi intervenendo a una iniziativa de La Stampa a Roma, nell'ambito di un discorso sulle azioni da intraprendere contro il terrorismo, in particolare dopo gli attacchi a Parigi la scorsa settimana.

"Sono entusiasta del lavoro che sta facendo Eni in Egitto non solo perché è un bel business ma anche perché è un grandissimo aiuto geopolitico", ha detto Renzi.

A fine agosto Eni ha annunciato di aver scoperto un maxi-giacimento a gas nell'offshore egiziano, con un potenziale di risorse fino a 850 miliardi di metri cubi di gas in posto (5,5 miliardi di barili di olio equivalente).

Secondo il gruppo energetico, si tratta della più grande scoperta di gas mai effettuata in Egitto e nel mar Mediterraneo e può diventare una delle maggiori scoperte di gas a livello mondiale, soddisfacendo la domanda egiziana di gas per decenni.

(Massimiliano Di Giorgio)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia