Creval, da operazione Visa Europe beneficio non inferiore a 36 mln - Fiordi

martedì 10 novembre 2015 17:23
 

MILANO, 10 novembre (Reuters) - Creval stima una plusvalenza netta potenziale dall'operazione annunciata da Visa di riacquisto di Visa Europe non inferiore a 36 milioni di euro.

Lo ha detto l'AD dell'istituto di credito Miro Fiordi nel corso della conference call con gli analisti sui risultati del terzo trimestre.

Rispondendo alla domanda di un analista, Fiordi ha chiarito che ad oggi "non è facile dare una stima" dei benefici della cessione attesi per la banca in quanto ci sono diversi aspetti ancora da definire nella struttura dell'operazione tra cui il trattamento fiscale.

Tuttavia per come è stata annunciata, e considerando anche la piena realizzazione della clausola di earn-out, "in valore assoluto, al netto delle tasse una ipotesi di range credibile è tra 36 e 60 milioni di euro", dice Fiordi.

"E' un range molto ampio ma non dovremmo andare quasi cenrtamente al di sotto di 36 milioni, e difficilmente sopra i 60 milioni", ha ribadito il banchiere.

A inizio mese Visa ha annunciato l'acquisizione della sua ex-controllata Visa Europe, nell'ambito di un accordo del valore di 21,2 miliardi di euro.

L'operazione prevede che 11,5 miliardi siano pagati in cash, più 5 miliardi in titoli privilegiati convertibili in azioni ordinarie. Inoltre i soci di Visa Europe potranno ricevere fino a ulteriori 4,7 miliardi in base al raggiungimento di alcuni obiettivi di crescita dei ricavi nei quattro anni successivi al closing dell'operazione.

Tra gli azionisti di Visa Europe, un consorzio di banche europee, c'è anche CartaSì, controllata da Icbpi, l'istituto centrale delle banche popolari.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia