BORSA MILANO attende dati Usa, debole lusso, ancora gap tra Telecom ord e risp

venerdì 6 novembre 2015 12:40
 

MILANO, 6 novembre (Reuters) - Piazza Affari è poco mossa in attesa del dato sull'occupazione Usa, che potrebbe dare qualche indicazione sui tempi di rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve.

In settimana il governatore della Fed Yellen ha ripetuto che i prossimi dati in uscita saranno fondamentali per decidere su un incremento dei tassi a dicembre.

Le attese degli economisti per i dati di oggi indicano a 180.000 nuovi posti di lavoro non agricoli, in aumento dai 142.000 di settembre, e un tasso di disoccupazione stabile al 5,1%.

Intorno alle 12,25 l'indice FTSE Mib segna +0,11%, l'Allshare +0,15%, con volumi per 1,3 miliardi di euro circa. L'indice europeo FTSEurofirst cede lo 0,6%.

Poco mossi i futures sugli indici americani.

Le azioni ordinarie di TELECOM ITALIA cedono l'1,1% a 1,181 euro e le risparmio salgono del 5,1% a 1,03 euro dopo che ieri il Cda ha approvato la conversione delle azioni di risparmio in ordinarie, con un rapporto pari a 1 e un conguaglio di 9,5 centesimi. I titoli si stanno allineando ai valori di conversione, anche se resta un certo scostamento probabilmente legato a qualche dubbio sul successo dell'operazione, che deve passare al vaglio dell'assemblea. Più in generale, per gli analisti la notizia della conversione è positiva perchè così il titolo Telecom avrà maggiore liquidità e Telecom potrebbe incassare fino a circa 570 milioni.

Debole TENARIS (-1,1%) sulla scia della trimestrale.

Deboli i titoli del lusso, con FERRAGAMO che cede oltre il 2%, in un settore zavorrato da Richemont che perde il 7,8% dopo i risultati e le stime deludenti.

In rialzo BUZZI (+2,3%).   Continua...