Cina, autorità supervisione reintroduce Ipo su ripresa listini borsa

venerdì 6 novembre 2015 12:24
 

PECHINO/SHANGHAI, 6 novembre (Reuters) - L'autorità di vigilanza sui mercati finanziari cinesi rende noto che sono nuovamente possibili le Ipo borsistiche, sospese ormai da luglio nel momento di massima turbolenza dei listini azionari locali.

L'annuncio arriva nella conferenza stampa settimanale tramite Deng Ge, portavoce della Commissione per il regolamento dei mercati - China Securities Regulatory Commission o Csrc.

Prime ammesse saranno le 28 società la cui richiesta di debutto il borsa era stata già approvata prima della completa sospensione dell'attività di Ipo. Verranno loro concesse due settimane per eventuali aggiornamenti dell'offerta, con un primo gruppo di 10 matricole che esordiranno dopo il 20 novembre.

Dopo un'estate tempestosa, i listini della borsa cinese mostrano intanto incontestabili segnali di stabilizzazione, con l'indice CSI300 che chiude oggi la miglior performance settimanale da giugno a questa parte.

Rispetto ai minimi toccati ad agosto il recupero è superiore al 20%, in un mercato tornanto tecnicamente 'bullish'.

"Per la borsa cinese è una buona notizia in un'ottica e medio e lungo termine, dal momento che sul mercato entrerà nuovo contante ... sugli investitori potrebbe però in un primo momento prevalere una leggera pressione psicologica, il timore di essere nuovamente scottati" commenta Xiao Shijun, analista per Guodu Securities a Pechino.

Una parte degli osservatori ha messo in relazione il crollo verticale dell'estate, almeno in parte, a un eccesso di Ipo su un mercato già surriscaldato, con un elevato utilizzo dell'effetto leva,

Da inizio anno a metà giugno - data della sospensione - le Ipo cinesi hanno raccolto 23,4 miliartdi di dollari, poco meno del doppio rispetto ai 13,2 miliardi dell'intero 2014.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia