Edison chiude 9 mesi in perdita, conferma Ebitda 2015 intorno a 1 mld

venerdì 30 ottobre 2015 09:27
 

MILANO, 30 ottobre (Reuters) - Edison ha chiuso i primi 9 mesi dell'anno con una perdita netta di 231 milioni dall'utile di 177 milioni di un anno prima su ricavi di vendita in calo a 8,309 miliardi da 8,930 milioni.

Sul risultato netto, dice una nota, "incide l'effetto determinato dalla dichiarazione di incostituzionalità della Robin Hood Tax, che ha un impatto negativo non ricorrente per 68 milioni, parzialmente mitigato dalla riduzione dell'aliquota fiscale indotta dal 2015 da tale determinazione".

L'Ebitda è sceso a 272 da 652 milioni dei 9 mesi del 2014, che "comprendevano una componente one-off legata alla revisione del contratto di importazione del gas russo e un'idraulicità record che aveva spinto i margini della filiera elettrica", dice la nota.

L'indebitamento finanziario a fine settembre è sceso a 1,718 miliardi da 1,766 miliardi di fine 2014.

Edison conferma le previsioni di un Ebitda 2015 di circa 1 miliardo, valore che include "'impatto atteso dall'arbitrato per il contratto di approvvigionamento di gas dalla Libia", mentre per il 2016, "tenuto conto del deteriorarsi delle condizioni del mercato italiano dell'energia elettrica e degli attuali prezzi del Brent, l'Ebitda, a parità di perimetro e senza considerare poste non ricorrenti, potrebbe subire un impatto negativo rispetto al 2015".

Infine il Cda ha approvato il progetto di fusione per incorporazione in Edison di Shen Spa, posseduta al 100%.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia