Eni, con deconsalidamento Saipem in 2016 7 mld dismissioni su target 8 mld

giovedì 29 ottobre 2015 18:21
 

MILANO, 29 ottobre (Reuters) - Eni lo scorso marzo ha annunciato un piano di dismissioni per 8 miliardi nei prossimi quattro anni. Nel 2015 ha realizzato cessioni per 1,5 miliardi e, se si aggiunge anche quella del 12,5% di Saipem con conseguente deconsolidamento del debito che porterà a un incasso per la major di 5,5 miliardi agli inizi del prossimo anno, arriverà a quota 7 miliardi.

A dirlo è il Cfo, Massimo Mondazzi, nel corso della call con gli analisti sui risultati del terzo trimestre.

"Alcuni negoziati molto avanzati sulla monetizzazione degli asset esplorativi stanno andando avanti, siamo impegnati a farlo e la speranza è di annunciare qualcosa nel breve termine", ha detto Mondazzi.

Poi ha aggiunto: "A marzo abbiamo annunciato cessioni per 8 miliardi di euro in quattro anni; di questi, 3 miliardi da realizzare nel 2015. Quest'anno abbiamo realizzato 1,5 miliardi e siamo a metà strada. Quando abbiamo annunciato il plano da 8 miliardi la cessione di Saipem faceva parte di questo piano e nel 2016 ci consentirà di incassare 5,5 miliardi che, aggiunti a 1,5 che abbiamo già realizzato, arrivano a 7 su 8 miliardi".

(Giancarlo Navach)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia