BORSA MILANO cede 1%, pesa Eni, Telecom balza su indiscrezioni nuovo socio

giovedì 29 ottobre 2015 12:48
 

MILANO, 29 ottobre (Reuters) - A metà seduta Piazza Affari perde circa un punto percentuale, risentendo della deludente trimestrale di Eni.

In calo, per quanto più contenuto, anche le altre borse europee, dove l'indice FTSEurofirst perde lo 0,45%.

Ieri Federal Reserve ha confermato i tassi, lasciando però la porta aperta a un rialzo a dicembre.

Intorno alle 12,35 l'indice FTSE Mib cede l'1,05%, l'Allshare l'1%. Volumi per un controvalore di 1,4 miliardi di euro.

A Wall Street i futures sugli indici sono negativi.

Sotto i riflettori TELECOM ITALIA su indiscrezioni, confermate da una fonte, che il francese Xavier Niel, fondatore e azionista di maggioranza di Iliad, ha acquisito una quota di minoranza nella società italiana. Se le indiscrezioni fossero confermate, Niel diventerebbe il secondo azionista della società dietro a Vivendi, che ha una quota di poco superiore al 20%.

ENI cede l'1,9% dopo aver archiviato il terzo trimestre in perdita, risentendo del persistente ribasso del prezzo del petrolio e dell'andamento negativo della controllata Saipem. Sul periodo pesa anche un incremento della tassazione e l'andamento debole del settore gas and power. I dati sono sotto le attese del mercato e questo penalizza il titolo.

Prese di profitto su Saipem (-4,2%) dopo il balzo di oltre il 10% di ieri sulla scia dell'annuncio della cessione del 12,5% del capitale da parte di Eni al Fondo strategico italiano (Cdp) e dell'aumento di capitale fino a 3,5 miliardi di euro.   Continua...