PUNTO 1-Poste Italiane cede 0,7% in giorno debutto a Piazza Affari

martedì 27 ottobre 2015 18:04
 

(aggiorna con chiusura titolo, aggiunge commento gestore)

MILANO, 27 ottobre (Reuters) - Poste Italiane archivia in moderato calo la prima giornata a Piazza Affari, a seguito di un'Ipo che ha visto una buona domanda da parte degli investitori, permettendo al Tesoro di raccogliere circa 3,4 miliardi (inclusa la greenshoe).

Il titolo aveva aperto in rialzo del 2% ma ha poi azzerato i guadagni e ha chiuso in calo dello 0,74% a 6,7 euro, rispetto a un prezzo di collocamento di 6,75 euro, a metà della forchetta indicativa iniziale. Forti i volumi, con oltre 100 milioni di pezzi scambiati. L'indice FTSE Mib ha perso l'1,15%.

Secondo due trader italiani le azioni sono state prezzate troppo alte.

Di diversa opinione un gestore estero che ritiene il prezzo 'fair' e continua a vedere un possbile upside. "Vediamo un certo upside a questo livello, quindi stiamo continuando a costruire la nostra posizione intorno al prezzo dell'Ipo", spiega Arnaud Morvillez, fund manager della francese SPGP, sottolineando che in futuro una spinta al titolo potrebbe arrivare anche dalla ristrutturazione del business postale.

Il gestore ha quindi sottolineato la visione positiva dell'Italia dall'estero: "Vediamo ogni trimestre un miglioramento".

"Auspico che la nostra quotazione rappresenti l'inizio di una stagione di crescita e sviluppo per il paese", ha detto l'AD Francesco Caio durate la cerimonia di inaugurazione questa mattina a Piazza Affari.

L'offerta di Poste ha registrato una domanda pari a circa 3,38 volte l'offerta. Nel comunicato diffuso ieri sera si dà per scontato l'esercizio integrale della greenshoe e si spiega che "sono state assegnate 498.300.000 di azioni a 179.226 richiedenti". Tra le "azioni assegnate" si comprendono quindi sia i 453 milioni dell'Opv che i 45,3 milioni dell'opzione di sovrallocazione.

Per quanto riguarda la parte retail sono arrivate richieste da parte di 303.536 richiedenti per un totale di circa 387 milioni di azioni. Di questi richiedenti 26.234 sono dipendenti di Poste Italiane, che hanno presentato domanda per un totale di 7,5 milioni di azioni.   Continua...