Italia, Istat rivede inflazione settembre a -0,4% su mese, +0,2% su anno

mercoledì 14 ottobre 2015 10:13
 

ROMA, 14 ottobre (Reuters) - A settembre l'indice Nic dei
prezzi al consumo, secondo i dati definitivi di Istat, è sceso
dello 0,4% su base congiunturale (rivisto da -0,3%) mentre è
salito dello 0,2% (rivisto da +0,3%) sullo stesso periodo
dell'anno precedente.
    L'indice armonizzato Ipca di settembre è stato invece
confermato a +1,6% su mese e +0,2% tendenziale.
    L'inflazione acquisita per il 2015 scende a +0,1%.
    "La diminuzione su base mensile dell'indice generale è da
ascrivere principalmente al ribasso - su cui incidono fattori di
natura stagionale - dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti
(-4,0%), parzialmente compensato dall'aumento dei prezzi degli
Alimentari non lavorati (+1,7%)", spiega l'Istat.
    L'inflazione di fondo, calcolata al netto dei beni
energetici e degli alimentari freschi, sale allo 0,8%. Al netto
dei soli beni energetici l'inflazione si porta a +0,9%.
    I prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza sono
invariati su base mensile mentre registrano una flessione
stabile e pari a -0,3% su base annua.
    I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della
persona salgono dello 0,6% su mese e dell'1,2% su base annua.
    Di seguito, i dati per l'indice Nic:
                               set 15   ago 15   lug 15
Variazione congiunturale        -0,4r     0,2     -0,1
Variazione tendenziale           0,2r     0,2      0,2
    Istat ha fornito i seguenti dati per l'indice Ipca
(comprensivo delle riduzioni temporanee di prezzo):
                               set 15   ago 15   lug 15
Variazione congiunturale         1,6     -0,1     -2,0
Variazione tendenziale           0,2      0,4      0,3
    
Indici Nic per capitoli di spesa:
                                   su mese su anno
Alimentari e bevande non alc.        0,7      1,5
Bevande alcoliche, tabacco           inv      2,9
Abbigliamento, calzature             0,2      0,5
Abitaz.,acqua,elettr.,combust.       inv     -0,2
Mobili, articoli e domestici         0,1      0,3
Servizi sanitari                     0,1      0,6
Trasporti                           -3,4     -3,3
Comunicazioni                        0,6      0,5
Ricreazione,spettacoli,cultura      -1,4      0,1
Istruzione                           0,6      1,9
Alberghi, ristoranti, bar            0,5      1,5
Altri beni e servizi                 0,2      0,4
    
    Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su
www.twitter.com/reuters_italia