PUNTO 1-A2A, integrazione semplificherebbe governance Lgh, adviser al lavoro

venerdì 10 luglio 2015 17:12
 

* Mediobanca adviser dell'operazione

* A fine mese scadono trattative in esclusiva, ipotesi proroga (Aggiunge altri dettagli da fonte, background)

MILANO, 10 luglio (Reuters) - In vista della scadenza delle trattative in esclusiva il prossimo 31 luglio, sono al lavoro i tavoli tecnici fra A2A e Linea Group Holding -- la multiutility di Crema, Cremona, Lodi, Pavia e Rovato -- per trovare un accordo ai fini di un'aggregazione.

E' quanto ha detto presidente della superutility lombarda, Giovanni. "Stanno lavorando i tavoli tecnici fra A2A e Linea Group. A fine mese scade l'esclusiva", ha sottolineato a margine di un convegno.

Secondo quanto riferiscono a Reuters due fonti vicine al dossier, le aziende stanno aspettando le conclusioni del lavoro dell'adviser di Linea Group Mediobanca e, vista la complessità dell'operazione, non è da escludere una proroga delle trattative in esclusiva a settembre.

Dice Valotti, "un eventuale accordo con A2A contribuirebbe a semplificare la governance che c'è in Lgh".

La lettera sottoscritta fa i due gruppi prevede o l'accordo per un'aggregazione fra le due aziende o, in alternativa, per Linea lo sbarco in Borsa. A complicare la trattativa, la governance di Lgh, holding non controllata direttamente dai comuni, ma attraverso le cinque società municipalizzate locali. A titolo di esempio, il comune di Rovato ha un peso importante in Linea perché, attraverso Cogeme Spa, detiene una partecipazione in Lgh pari al 30,915% e alla quale i patti parasociali riservano - con Aem Cremona - il ruolo di azionista di riferimento della holding.

Obiettivo di A2A è quello di realizzare la multiutility dei territori in Lombardia ponendosi come polo aggregatore di aziende di servizi pubblici di medie e grandi dimensioni.

  Continua...