BORSA MILANO peggiora su prospettiva Grexit, male petroliferi

martedì 7 luglio 2015 14:07
 

MILANO, 7 luglio (Reuters) - Piazza Affari abortisce definitivamente il tentativo di rimbalzo della mattinata e, in linea con le altre borse europee, si addentra in territorio negativo.

Attorno alle 13,55, l'indice FTSE Mib, che era arrivato a guadagnare un punto percentuale circa, lascia sul terreno lo 0,8%.

Secondo i trader, le dichiarazioni dei membri dell'Eurogruppo sulla Grecia stanno innervosendo i mercati.

"Si inizia a pensare concretamentre a una Grexit", dice un operatore". C'è molta, molta pressione su Atene. Il Btp e lo spread non ne risentono nella stessa misura grazie alla mano di (Mario) Draghi".

Ma la Grecia appare davvero alle strette. Nonostante qualcuno abbia paventato un intervento di Mosca a supporto di Atene, il trader sottolinea che le ultime dichiarazioni degli esponenti del governo russo vanno in direzione opposta.

Inoltre, conclude il trader, "l'indice di Milano ha un gap da riempire; quindi, anche tecnicamente potrebbe scendere di un altro centinaio di punti".

Per quanto riguarda i titoli, prosegue la debolezza dei petroliferi, in particolare di Saipem. Ancora sotto pressione il lusso. Male StMicroelectronics e Mediaset .

Inversione di tendenza per le banche, che nella prima parte della seduta erano positive.

Restano in rialzo A2A e Fca.   Continua...