BORSE ASIA-PACIFICO-Indici positivi nonostante Grecia ma ancora giù Shanghai

giovedì 2 luglio 2015 08:30
 

INDICE                        ORE  8,20    VAR %    CHIUS. 2014
 ASIA-PAC.                        478,28     0,05       466,23
 TOKYO                         20.522,50     0,95    17.450,77
 HONG KONG                     26.278,09     0,11    23.605,04
 SINGAPORE                      3.332,31     0,04     3.365,15
 TAIWAN                         9.379,24     0,04     9.307,26
 SEUL                           2.107,33     0,45     1.915,59
 SHANGHAI COMP                  3.850,34    -5,02     3.234,68
 SYDNEY                         5.599,80     1,53     5.411,02
 MUMBAI                        28.089,25     0,24    27.499,42
 
    2 luglio (Reuters) - Le borse asiatiche sono in generale
rialzo, terzo giorno consecutivo col segno più, spinto da dati
economici Usa positivi e nonostante la debolezza del mercato
cinese e lo stallo nei negoziati sulla Grecia.
    In generale il sentiment degli investitori dovrebbe restare
improntato alla cautela nelle prossime settimane a causa della
crescente incertezza sulla Grecia, prima economia sviluppata in
default su un prestito del Fmi, e sul suo futuro nell'eurozona.
    Alle 8,20 ora italiana l'indice regionale dell'Asia-Pacifico
MSCI, che non comprende Tokyo, guadagna lo
0,05%. L'indice giapponese Nikkei ha chiuso la seduta a
+0,95%.
    Ieri il premier Alexis Tsipras ha invitato i greci a votare
'no' all'austerity nel referendum di domenica, da cui potrebbe
dipendere il futuro di Atene in Europa.
    In controtrend anche oggi SHANGHAI, che lascia sul
terreno oltre il 5%, e che ha perso complessivamente quasi un
quarto dal picco dello scorso 12 giugno, nonostante le autorità
abbiano messo in campo diverse misure - come la riduzione dei
tassi di interesse - per calmare il mercato.
    HONG KONG è positiva; Prada guadagna il
3,9% circa.
    TAIWAN ha chiuso piatta, mentre SEUL ha
concluso la seduta a +0,45%.
    SYDNEY ha chiuso in rialzo dell'1,4%, con gli
investitori che hanno fatto acquisti in tutti i settori.
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia