April 28, 2015 / 11:00 AM / 2 years ago

PUNTO 4-Rai Way, mission provider unico, ma niente contro-opa su Ei Towers

4 IN. DI LETTURA

* La società punta a un'unica infrastruttura per operatori tlc

* Ciccotti: non è nostra priorità. Dividendo da 22 mln a Rai

* Rai Way interessata a collaborare con società torri Telecom (Modifica titolo, aggiorna con dichiarazioni)

di Massimiliano Di Giorgio

ROMA, 28 aprile (Reuters) - L'assemblea di Rai Way ha approvato oggi il bilancio 2014 e la distribuzione di un dividendo di 12,34 centesimi. Alla controllante Rai andranno circa 22 milioni.

E' stato eletto anche il nuovo collegio sindacale, presieduto da Maria Giovanna Basile.

Nonostante il fallimento del tentativo di Ei Towers di lanciare un'opas su Rai Way, operazione stoppata dalla stessa controllante Rai e dal governo, la società pubblica delle torri tv non rinuncia all'ipotesi di costituire un unico provider italiano di infrastrutture per gli operatori tlc, e i vertici oggi lo hanno detto chiaramente agli azionisti.

"La mission di Rai Way è diventare il provider italiano di infrastrutture e servizi di rete di riferimento per i broadcaster e per gli operatori di telecomunicazioni", dice la lettera agli azionisti diffusa prima dell'assemblea.

La società è controllata da Rai al 65,073%, dopo il collocamento in borsa del novembre scorso. Tra gli altri azionisti, tutti sotto il 5%, ci sono il fondo Blackrock, Kairos Partners, Artemis.

All'assemblea di oggi erano presenti l'84,97% degli azionisti.

Il presidente Camillo Rossotto, rispondendo a un paio di azionisti che chiedevano quale sarebbe l'atteggiamento della società nel caso di un'eventuale nuova offerta di Ei Towers, controllata da Mediaset della famiglia Berlusconi, ha spiegato che quella di oggi non era la sede opportuna per valutazioni.

Ma nel corso di una successiva conferenza stampa, Rossotto e l'amministratore delegato Stefano Ciccotti hanno poi affrontato direttamente il tema, spiegando che Rai Way è interessata in prospettiva a un consolidamento del settore delle torri tv.

"Non pensiamo a una contro-opa o a cose del genere", ha avvertito Ciccotti. "Rai Way in questo momento è concentrata esclusivamente sullo sviluppo del proprio business plan, ma non è che abbia paura del resto. E in un eventuale 'resto' comunque non possiamo essere solo passivi, ma non è la nostra priorità numero uno".

Rai Way non esclude insomma un consolidamento del settore con una società unica, "ma partendo dal razionale, dai numeri, dalla fattibilità", ha detto Ciccotti. "Non abbiamo paura dell'operatore unico, ma andiamo a vedere quanto valore si crea".

Al tempo stesso l'azienda guarda con interesse alle piattaforme multimediali e alla collaborazione col settore telco, in vista dell'Ipo di Inwit, società delle torri di Telecom Italia : "Nel momento in cui quelle torri sono sul mercato diventa per noi un nuovo interlocutore con cui poter interagire per capire quali sono le migliori convergenze", ha detto Camillo Rossotto. "Loro avranno la migliore infrastruttura telco, noi siamo la migliore struttura broadcast".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below