BORSE ASIA-PACIFICO - Indici a massimi 7 anni spinti da azioni cinesi

lunedì 27 aprile 2015 09:19
 

INDICE                          ORE 8,30    VAR %   CHIUS. 2014
 MSCI ASIA-PAC.                      523,53   +0,60       467,23
 TOKYO                            19.983,32   -0,18    17.450,77
 HONG KONG                        28.556,67   +1,77    23.605,04
 SINGAPORE                         3.519,32   +0,17     3.365,15
 TAIWAN                            9.973,12   +0,60     9.307,26
 SEUL                              2.157,54   -0,10     1.915,59
 SHANGHAI COMP                     4.525,08   +2,99     3.234,68
 SYDNEY                            5.975,90   +2,72     5.411,02
 MUMBAI                           27.328,11   -0,40    27.499,42
    27 aprile (Reuters) - Il rally delle borse cinesi ha spinto
ai massimi di sette anni l'azionario dell'area Asia-Pacifico
sulle attese di nuove misure di stimolo da parte di Pechino, con
gli utili stellari di alcuni giganti dell'hi-tech Usa che hanno
reso ulteriormente più ottimisti gli investitori. Su altre
piazze prevale la cautela in attesa delle riunioni della Fed e
della Banca centrale giapponese.
    Intorno alle 8,45 italiane l'indice Msci dell'area
Asia-Pacifico, che non comprende Tokyo, sale
dello 0,6%.
    HONG KONG e SHANGHAI hanno toccato oggi i massimi da sette
anni, trainati dalle grandi società a controllo statale, sulle
aspettative che Pechino acceleri il processo fusioni nel
settore. I giganti China Petroleum & Chemical Corp (Sinopec)
 e PetroChina sono balzati di circa il
10% a Shanghai su attese di fusione. A Hong Kong, Sinopec ha
preso il 5,8%, PetroChina il 4,9%. Prada segna -0,12%.
    Anche SYDNEY è ai massimi da sette anni, avvicinandosi alla
barriere psicologica dei 6.000 punti. In evidenza il comparto
minerario ed energetico che ha beneficiato del rally dei prezzi
dei minerali di ferro.
    In controtendenza SEUL che è scivolata in territorio
negativo per la seconda seduta consecutiva, ma dopo avere chiuso
giovedì scorso vicino ai massimi da quattro anni.
    
    
Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia