EI Towers, titolo soffre ma non crolla dopo primo stop Antitrust su Rai Way

mercoledì 1 aprile 2015 10:42
 

MILANO, 1 aprile (Reuters) - EI Towers soffre ma non crolla in Piazza Affari dopo il primo stop dell'Antitrust all'Opas su Rai Way così come formulata quando è stata annunciata a fine febbraio.

Segno che i mercati registrano il nuovo, prevedibile ostacolo ma non si arrendono all'idea che un'integrazione tra le torri Rai e Mediaset possa essere portata a termine, anche se a condizioni diverse.

Intorno alle 10,20 EI Towers cede l'1,17% a 49 euro con volumi modesti, mentre Rai Way sale dello 0,7% in un mercato leggermente positivo. Il 24 febbraio, quando a mercati chiusi è stata data notizia dell'Opas, EI Towers valeva 45,45 euro.

Secondo un broker la notizia dell'Antitrust "è negativa", ma l'operazione ha un evidente senso industriale e una revisione dei termini dell'Opas che dia più peso alla Rai nell'azionariato della società integrata potrebbe essere, a suo giudizio, ancora una soluzione.

Ieri è stato notificato a EI Towers l'esito della prima fase dell'istruttoria Antitrust in cui si dice che "sulla base degli elementi emersi, l'operazione in esame, nella configurazione e nel perimetro descritti dalla parte nella notifica del 25 febbraio 2015, non è suscettibile di essere autorizzata, ai sensi dell'art. 6 della legge n. 287/90", quello che disciplina le operazioni di concentrazione restrittive della libertà di concorrenza.

In una nota, la controllata di Mediaset sottolinea che l'authority non ha giudicato l'offerta infondata e dice di essere ancora convinta di poterla persuadere.

Ieri inoltre il Cda Rai ha definito "improcedibile" l'Opas sulla controllata (al 65%) Rai Way dato che il governo ha ribadito l'intenzione di mantenerla sotto controllo dell'emittente pubblico con almeno il 51% del capitale. E' vero però che EI Towers ha già fatto capire di essere disposta a rivedere la condizione dell'Opas sul raggiungimento dei due terzi del capitale e non ha escluso di potersi accontentare del 49% se ci fossero garanzie sulla governance e sul progetto industriale.

Oggi Repubblica scrive che, tra le possibili soluzioni per EI Towers, oltre a una revisione dei termini dell'offerta, potrebbe esserci il coinvolgimento di F2i o Cdp; secondo il quotidiano non sarebbe esclusa neanche la cessione della società da parte di Mediaset.

  Continua...