PUNTO 1-Intesa SP, Ente CariFirenze non più vincolato a tenere quota in CariFirenze

lunedì 30 marzo 2015 17:06
 

(Aggiunge dettagli e commento da fonte)

MILANO/FIRENZE, 30 marzo (Reuters) - I tre organi di governo dell'Ente CariFirenze hanno votato all'unanimità per l'abrogazione di un comma di un articolo dello statuto che impegnava a mantenere, a certe condizioni, una partecipazione nella banca conferitaria originaria CariFirenze.

Lo dice una nota della fondazione fiorentina specificando che la modifica sarà operativa dopo il nulla osta dal ministero dell'Economia e che l'abrogazione ha ottenuto l'ok del consiglio di amministrazione, del comitato d'indirizzo e dell'assemblea.

CariFirenze nel 2008 è entrata nell'orbita del gruppo Intesa Sanpaolo di cui l'ente detiene il 3,25%. In CariFirenze l'ente detiene circa il 10%, mentre la restante quota è in capo a Intesa Sanpaolo.

Le finalità dell'Ente Cassa restano comunque fortemente ancorate allo sviluppo e alla promozione del territorio come indicato inequivocabilmente dall'articolo 3 dello statuto, precisa la nota.

In sostanza oggi si è dato corso al passaggio formale necessario per l'uscita dell'Ente da CariFirenze: secondo quanto riferisce una fonte a diretta conoscenza del dossier, le quote di CariFirenze ancora in mano all'Ente presieduto da Umberto Tombari passeranno a Intesa Sanpaolo che salirà al 100%.

I tre organi hanno condiviso anche l'adesione al protocollo siglato da Acri e ministero del Tesoro che fissa al 33,3% il limite massimo del patrimonio complessivo che ciascuna fondazione può investire su un'unica banca. Le fondazioni hanno da tre a cinque anni per adeguarsi.

A metà gennaio scorso una fonte ha riferito a Reuters che Ente CariFirenze sta studiando l'uscita sia da CariFirenze sia da Intesa Sanpaolo.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia