Yoox in asta volatilità (+7,97%) su voci fusione con Net-a-Porter

lunedì 30 marzo 2015 10:04
 

MILANO, 30 marzo (Reuters) - Prima parte di seduta in netto rialzo per Yoox, mossa dalle indiscrezioni su un ritorno di fiamma con Net-a-Porter, attualmente di proprietà di Richemont.

Attorno alle 9,55, il titolo del gruppo guidato da Federico Marchetti è in asta di volatilità, dopo aver fatto segnare un ultimo prezzo di 22,76 euro (+7,97%). Volumi intensi: sono passati di mano circa 1,7 milioni di pezzi, contro una media dell'intera seduta di 1,160 milioni negli ultimi trenta giorni.

Secondo quanto riferito a Reuters da alcune fonti di settore, Yoox ha ripreso le trattative, già tentate nel 2013, con Net-a-Porter, il cui valore è stimato fra 1,3 e 1,5 miliardi di euro.

Il deal potrebbe essere raggiunto in settimana.

Diversi broker hanno pubblicato note sui rumours. Un broker estero sottolinea le potenziali sinergie e il fatto che le dimensioni del nuovo gruppo dovrebbero "attrarre brand e fornitori". D'altro canto, l'integrazione potrebbe essere complicata per via di "differenze culturali".

Una sim italiana parla di fusione "plausibile" e ricorda che la fondatrice di Net-a-Porter, Nathalie Massenet, può cedere le quote a partire da questo mese.

Una banca d'affari italiana, riportando le indiscrezioni di Reuters, ricorda che il Sunday Times ha scritto che Richemont dovrebbe essere pagata in azioni Yoox e non in contanti.

Un altro broker italiano sottolinea che anche Amazon.com , secondo rumours, si è fatta avanti per Net-a-Porter.

Fidentiis parla di "grande notizia" per Yoox. E, dopo aver sottolineato gli aspetti positivi (in particolare, le sinergie sui costi), riporta i punti interrogativi riguardanti la joint venture di Yoox con Kering e l'eventualità che la transazione si accompagni ad un accordo di mono-brand con Richemont.   Continua...