Autostrade, recepire direttive Ue, no art.5 sblocca Italia- Palenzona

lunedì 30 marzo 2015 12:13
 

ROMA, 26 marzo (Reuters) - Il settore autostradale chiede che l'Italia acceleri il recepimento della direttiva Ue sulle concessioni per avere regole chiare e tempi certi per gli investimenti, ritenendo così superate le specifiche norme del decreto Sblocca Italia per le quali sarebbe comunque stato necessario l'assenso di Bruxelles.

In una dichiarazione diffusa a margine dell'associazione europea delle concessionarie autostradali, a Bruxelles, il presidente dell'associazione delle concessionarie autostradali (Aiscat), Fabrizio Palenzona, ha detto che "le soluzioni previste dall'articolo 5 dello Sblocca Italia siano da ritenersi superate alla luce delle nuove norme contenute nella Direttiva Europea 23/2014 relativa alle concessioni".

Aiscat rappresenta 27 concessionarie di autostrade e trafori a pedaggio per oltre 6.000 chilometri di rete. Il settore ha investito nel 2013 oltre 2 miliardi (nel periodo 2008-2013 oltre 11 miliardi).

Palenzona, che plaude all'azione del governo "nella sua spinta innovativa, fondamentale soprattutto per lo sviluppo infrastrutturale del Paese", sostiene che ora vada accelerato il recepimento delle direttive Ue che riguardano il settore.

La direttiva non tocca le concessioni aggiudicate prima dell'aprile 2014 e deve essere recepita dai Paesi membri entro il 18 aprile 2016, "in modo da consentire una più efficace pianificazione degli investimenti", dice il presidente dell'Aiscat.

L'articolo 5 del decreto Sblocca Italia riguardava le concessioni autostradali con la doppia finalità, più volte sostenuta dall'ex ministro Maurizio Lupi, di mantenere moderazione degli incrementi tariffari senza rinunciare agli investimenti (che le tariffe remunerano), attraverso accorpamenti di concessioni e allungamento della loro durata.

Perplessità sulla praticabilità di questa norma, la cui l'attuazione era comunque subordinata all'assenso della Ue, erano venute a febbraio dal presidente dell'Autorità anticorruzione Raffaele Cantone.

Palenzona chiede poi semplificazioni per il settore degli appalti, per i quali c'è anche una direttiva specifica da recepire. "È necessaria una riprogrammazione nel segno dell'efficienza dei costi, di tempi certi e di opere a valle di progettazioni che non necessitano di rivisitazioni successive", dice nella dichiarazione, ritenendo anche in questo caso indispensabile recepire le direttive comunitarie "con la contestuale abrogazione di tutte le norme precedenti e confliggenti".

Il decreto cosiddetto Sblocca Italia, sul quale il governo aveva chiesto il voto di fiducia, è stato convertito in legge lo scorso novembre.   Continua...