PUNTO 1-Pininfarina conferma interesse Mahindra, nega raggiungimento accordo

giovedì 26 marzo 2015 09:49
 

(Aggiunge quotazioni, contesto)

MILANO, 26 marzo (Reuters) - Pininfarina conferma l'interesse di Mahindra & Mahindra per l'acquisto di una quota di maggioranza, precisando però di non aver raggiunto alcun accordo vincolante con il produttore di veicoli indiano.

Alle prime ore del mattino anche il gruppo indiano ha diffuso una nota su richiesta delle autorità di controllo della borsa locale, definendo speculative le notizie su un interesse per l'acquisto della maggioranza nella storica carrozzeria torinese e precisando di non essere coinvolta in alcun accordo che richieda una comunicazione.

Nei primi scambi le azioni del gruppo di design automobilistico sono passate in negativo su prese di beneficio dopo il balzo di oltre il 26% messo a segno ieri sulla scia della notizia dei colloqui con il gruppo indiano.

"Allo stato, pur in presenza di un interesse manifestato da Mahindra, uno dei più importanti clienti di Pininfarina, non esistono accordi vincolanti di qualsiasi natura tra le parti che prefigurino una operazione di acquisto di Pininfarina da parte della società indiana", si legge nella nota diffusa in Italia.

La società torinese fondata nel 1930 a cui si devono numerosi modelli di marche di lusso come la Ferrari, versa da tempo in condizioni finanziarie difficoltose. Con la ristrutturazione del debito varata nel 2008 il pacchetto di controllo del 76% detenuto da Pincar srl è stato dato in pegno alle banche creditrici.

Gli accordi con gli istituti finanziatori prevedono tra l'altro l'eventuale cessione della partecipazione in Pininfarina Spa che necessiterebbe oltre che dell'approvazione di Pincar Srl anche di quella di tutti i 13 istituti banceri creditori pignoratizi, ricorda oggi l'azienda italiana.

Delle tre fonti sentite ieri da Reuters, secondo una il negoziato è in fase avanzata ma secondo le altre due le società sarebbero ancora lontane dal raggiungere una intesa.

La notizia dei colloqui in corso tra Pininfarina e Mahindra è arrivata tre giorni dopo l'annuncio dell'operazione che porterà Pirelli, altro marchio storico italiano, sotto il controllo dei cinesi di ChemChina.   Continua...