PUNTO 1-Rcs, tiene accordo su lista maggioranza, ora nodo Corriere - fonti

mercoledì 25 marzo 2015 16:37
 

(Aggiunge dichiarazione Elkann)

MILANO, 25 marzo (Reuters) - Le aspre critiche espresse ieri da Urbano Cairo su Maurizio Costa alla presidenza di Rcs non sembrano aver scalfito l'accordo di massima raggiunto tra i principali soci del gruppo editoriale, che dovrebbe portare alla conferma dell'AD Pietro Scott Jovane affiancato alla presidenza dall'ex AD di Mondadori, oggi presidente Fieg.

E' quanto riferiscono alcune fonti vicine alla vicenda che confermano le indiscrezioni stampa sulla composizione della lista di maggioranza e sottolineano che ora la partita, non facile, si sposta sulla direzione del Corriere della Sera.

Il Cda di Rcs sta lavorando da tempo a una rosa di nomi per la successione a Ferruccio de Bortoli e così stanno facendo in parallelo i principali soci del gruppo che vogliono avere voce in capitolo sul tema prima di siglare l'intesa sulla lista dei consiglieri. Spetterà poi al nuovo Cda nominare il direttore.

I nomi che si fanno sono sempre gli stessi, dal condirettore Luciano Fontana caldeggiato dal direttore uscente, all'outsider Carlo Verdelli. Spunta anche il nome di Sarah Varetto (Sky) che però suscita più di una perplessità tra i soci, mentre il candidato forte Mario Calabresi si sarebbe, secondo alcuni, sfilato dalla partita.

La lista dei consiglieri, che sarà presentata entro lunedì 30 marzo invece che entro domenica 29, prevederebbe dunque, oltre a Gerardo Braggiotti, anche l'ax AD di Sky Italia Tom Mockridge, Laura Cioli (AD di CartaSi) e la conferma di Teresa Cremisi (Gallimard-Flammarion). Numerosi i soci che si sarebbero coagulati intorno al listone, compreso Diego Della Valle.

In merito, il presidente di Fiat Chrysler John Elkann, primo azionista di Rcs, ha sottolineato a un'agenzia di stampa di non essere promotore di alcuna lista ma di essere pronto a sostenere una lista "libera da logiche di lottizzazione e composta da persone di qualità e competenza". Ben venga, in questo caso, anche l'appoggio di Della Valle: "Mi auguro che questa lista abbia il sostegno più ampio possibile", ha detto Elkann.

Se il consiglio è destinato, come nelle intenzioni, a rimanere di nove membri, accanto a questi sei nomi dovranno esserne eletti tre in rappresentanza delle minoranze. Si attendono le decisioni in merito di Cairo e di Assogestioni.

  Continua...