Mediaset, cautela broker dopo conti si riflette su andamento titolo

mercoledì 25 marzo 2015 12:02
 

MILANO, 25 marzo (Reuters) - Il ritorno al dividendo di Mediaset non scalda i cuori di investitori e analisti che dopo i conti 2014 pubblicati ieri a mercati chiusi hanno scelto oggi un approccio all'insegna della cautela.

La prudenza, dettata da un ultimo trimestre in linea o sotto le attese e da scarne indicazioni sul 2015, si riflette sull'andamento del titolo che intorno alle 11,30, dopo qualche altalena, sale dello 0,4% a 4,4 euro con volumi intensi. Da inizio anno il titolo è salito del 27% (+22% il FTSEMib ), negli ultimi sei mesi ha guadagnato il 45% (+13% l'indice milanese).

"Un altro inizio a rilento" è il titolo del report di Barclays, che conferma il giudizio "underweight" con target alzato a 3,75 da 3,7 euro. Il broker ritiene che il mercato stia "prezzando una ripresa eccessiva della raccolta pubblicitaria" del gruppo e considera improbabile che Premium riesca ad avere abbastanza abbonati o un Arpu sufficiente per bilanciare i costi dell'esclusiva triennale sulla Champions League; ieri il Cfo di Mediaset ha ribadito che Premium (1,7 milioni di abbonati, in calo del 6%) chiuderà in perdita il primo anno, a break even nella seconda stagione e in utile nella terza.

In linea con Barclays il giudizio di Bernstein ("underperform").

Nomura ("neutral") parla di conti 2014 in linea con le previsioni ma di un dividendo inferiore (sarà distribuita una cedola simbolica di 0,02 euro) e non è certa di una ripresa continuativa della raccolta pubblicitaria nel 2015. Per Equita invece il 2014 è leggermente peggiore delle aspettative così come l'avvio del 2015, anche se il broker conferma la stima di +3,5% della raccolta pubblicitaria in Italia quest'anno. Il suo giudizio "buy" nasce anche dalle aspettative di M&A sulla pay Tv.

Positiva infine Mediobanca Securities ("ouperform"), che a partire dal seconto trimestre di quest'anno si aspetta "sorprese positive in termini di raccolta pubblicitaria in Italia".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia