Banche, benefici da Qe, meno titoli Stato e più credito - Vegas

martedì 24 marzo 2015 15:14
 

ROMA, 24 marzo (Reuters) - Il programma di acquisti di bond sovrani della Bce (Qe) consentirà alle banche italiane di ridurre il peso dei titoli di stato in portafoglio, anche in vista di un cambio di regole di Basilea III che potrebbero per la prima volta chiedere capitale a fronte di questo tipo di asset.

Lo ha detto il presidente della Consob Giuseppe Vegas in una audizione al Senato, sottolineando anche che la liquidità che ne deriverebbe potrebbe essere utilizzata per aumentare il credito.

Parlando degli istituti italiani, "delle 14 banche soggette alla vigilanza Bce, almeno 8 hanno coefficienti patrimoniali sensibilmente superiori a quelli minimi richiesti dalla Bce e dunque tali da consentire l'erogazione di nuovo credito", ha detto Vegas.

Per il presidente di Consob, il programma di Qe "consentirà alle banche italiane di ridurre la rilevante esposizione verso il debito sovrano domestico accumulata negli ultimi anni, conducendo tendenzialmente a un miglioramento dei relativi rating e a un abbassamento del costo della raccolta".

Inolte il fatto che ci sia "il rischio" che si arrivi a una revisione delle regole di Basilea III, introducendo "per la prima volta un assorbimento patrimoniale per le esposizioni in titoli sovrani può costituire un ulteriore incentivo a ridurre l'esposizione in titoli di Stato".

(Stefano Bernabei)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia