Pirelli in rialzo dopo accordo ChemChina, a limite prezzo d'Opa

lunedì 23 marzo 2015 10:26
 

MILANO, 23 marzo (Reuters) - Pirelli fluttua al limite del prezzo di offerta, dopo l'ufficializzazione dell'accordo per l'ingresso nel capitale dei cinesi di ChemChina.

Un report di Banca Akros indica target price a 15,5 euro, aggiungendo che il dividendo sui conti 2014 è atteso a 44 centesimi e che ci potrebbero essere 50 cent ulteriori di cedola straordinaria, per la cessione di steel cord.

Un trader stima a 38 centesimi il dividendo ordinario e ritiene che le azioni già ora scontino, in una certa misura, attese di una revisione al rialzo del prezzo d'offerta.

Alle 10,25 italiane, Pirelli è in rialzo del 2,5% a 15,6 euro per azione, con scambi per 9 milioni di pezzi, da 47 milioni della media giornaliera.

Le risparmio, pari al 2,4% circa del capitale complessivo e su cui ieri è stata annunciata un'opa volontaria allo stesso prezzo di 15 euro per azione, sono in rialzo del 5,3% a 16 euro, con circa 700.000 pezzi scambiati, già in linea con la media giornaliera.

Ieri sera una nota ha ufficializzato l'intesa che potrebbe portare all'acquisizione di Pirelli da parte di China National Chemical (ChemChina) nell'ambito di un'operazione da 7,1 miliardi di euro, che prevede un'Opa a 15 euro.

L'opa, è stato precisato, verrà lanciata dopo lo stacco del dividendo.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia