Monetario, brevissimi poco sopra zero in vista iniezione Tltro Bce

venerdì 20 marzo 2015 12:02
 

MILANO, 20 marzo (Reuters) - Comodamente appoggiata su un cuscinetto di liquidità in eccesso tra 150 e 160 miliardi di euro, non si allontana dallo zero la parte brevissima della curva dei tassi sull'interbancario.

Una ricaduta del tutto trascurabile sembrano avere i riversamenti fiscali italiani, iniziati ieri e destinati a proseguire fino a martedì, da cui si prevede una distruzione di una trentina di miliardi.

"Su questo livello di fondi in eccesso il sistema non ne risente... è un mercato molto statico, in cui ancora non si percepiscono concretamente gli effetti espansivi del 'quantitative easing' Bce" commenta l'operatore di una tesoreria.

Il riferimento è al programma 'qe' esteso ai titoli di Stato giunto oggi alla fine della seconda settimana.

Per conoscere l'importo degli acquisti - 9,751 miliardi le scorsa settimana, cui vanno sommati covered bond e 'abs' - occorrerà attendere lunedì pomeriggio.

Tenendo conto che obiettivo di Francoforte è iniettare 60 miliardi al mese, ipotizzando una decina di miliardi tra covered e 'abs' nel caso dei titoli di Stato si tratterebbe di una media settimanale intorno ai 12 miliardi.

"L'ammontare della seconda settimana potrebbe essere leggermente superiore ma gli effetti sul mercato dovrebbero essere molto graduali... qualche movimento si potrebbe invece vedere mercoledì con il regolamento della Tltro di ieri" aggiunge un tesoriere.

Su un totale di poco inferiore ai 98 miliardi, le banche italiane si sono aggiudicate circa un terzo degli ultimi fondi Bce a tre anni e mezzo.

Tenendo conto che l'operazione di ieri ha valuta mercoledì, per il sistema si tratta di un'iniezione di oltre 30 miliardi.   Continua...