Btp proseguono flessione, mercato saturo dopo emissione Btp 15 anni

mercoledì 18 marzo 2015 13:01
 

MILANO, 18 marzo (Reuters) - Mattinata ancora in calo per
l'obbligazionario italiano, già reduce dalla vendite di ieri,
con lo spread Btp/Bund che si riporta in area 110 punti base, ai
massimi da fine febbraio.
    Il mercato italiano, e in generale quello periferico, sembra
pagare, secondo alcuni, le conseguenze dell'emissione di ieri
del nuovo Btp 15 anni ieri, giudicata troppo corposa. Per altri
si tratta piuttosto di prese di beneficio dopo una corsa al
rialzo dei prezzi senza soste.
    Il nuovo Btp 15 anni marzo 2032 è stato collocato via
sindacato per l'importo di 8 miliardi di euro, a fronte di
ordini per 16,5 miliardi.   
    Secondo un trader milanese l'emissione ha saturato il
mercato, offrendo una "facile occasione" per gli hedge fund per
giocare posizioni corte sull'Italia, che stanno trascinando al
ribasso tutta la periferia. "Probabilmente il Tesoro ha fatto un
errore" commenta il trader.
    Un secondo trader evita invece di addossare colpe al
collocamento di ieri, notando come le prime indicazioni di
rendimento sul nuovo 15 anni lo diano sostanzialmente in tenuta
rispetto al vecchio benchmark marzo 2030 (il nuovo titolo è
stato prezzato 10 pb sopra il rendimento del vecchio). 
    "La realtà è che il mercato si è accorto all'improvviso che
i livelli della scorsa settimana erano troppo tirati e ha
tentato di vendere, in un mercato ha smesso di provare ad
anticipare la Bce" afferma.
    A metà seduta, su piattaforma Tradeweb, lo spread tra
decennali italiani e tedeschi scambia in area 107 punti base,
dopo essere salito in mattinata fino a 113; il tasso decennale
italiano ha toccato un massimo intraday all'1,40%.
    La scorsa settimana lo spread era sceso fino a 85 pb, minimo
da aprile 2010, mentre il rendimento decennale fino all'1%.
    
    EXTRA LUNGO PESANTE, CURVA SI IRRIPIDISCE
    Sotto pressione oggi è in particolare il comparto
extra-lungo con il benchmark a 30 anni che perde due punti
pieni.
    La tendenza è per un irripidimento della curva italiana,
dopo il netto movimento contrario visto di recente.
    Ad alimentare la cautela è anche l'attesa per la chiusura
del meeting Fed, questa sera, che potrebbe aiutare a valutare le
probabilità di un primo rialzo dei tassi già a giugno, o in
alternativa nella seconda parte dell'anno. 
    "Gli investitori potrebbero essere tentati di vendere i
governativi europei e optare per quelli americani, di alta
qualità e di rendimento maggiore, causando una risalita dei
rendimenti in Europa che è in ultima analisi quello che la Bce
sta tentando di evitare" nota Heather Mcardle di S&P Dow Jones
Indices.
    Sul mercato primario la Germania ha collocato stamane quasi
3,3 miliardi di Bund decennali mentre la Grecia
1,3 miliardi di titoli a 3 mesi.

 ========================= 12,40 =============================
 FUTURES BUND GIUGNO                  158,27   (+0,68)   
 FUTURES BTP GIUGNO                   140,13   (-0,29)   
 BTP 2 ANNI (MAG 17)                  101,986  (-0,056)  0,267%
 BTP 10 ANNI (DIC 24)                 110,919  (-0,341)  1,302%
 BTP 30 ANNI (SET 44)                 158,597  (-2,025)  2,090%
 ======================== SPREAD (PB)===========================
 
 ---------------------  ---------------  ----------  PRECEDENTE
                                                     
 TREASURY/BUND 10 ANNI                          180         181
 BTP/BUND 2 ANNI                                 51          44
 BTP/BUND 10 ANNI                               107          89
 minimo                                       100,5        85,8
 massimo                                      113,3        90,0
 BTP/BUND 30 ANNI                               144         128
 BTP 10/2 ANNI                                103,5        96,0
 BTP 30/10 ANNI                                78,8        75,5
 ===============================================================
    
    
    Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia