17 marzo 2015 / 14:28 / tra 3 anni

PUNTO 1-Bpm,trasformazione in Spa opportunità per essere al centro di M&A-AD

(Aggiunge altre dichirazioni)

MILANO, 17 marzo (Reuters) - Pop Milano vede nel decreto sulla trasformazione in Spa un‘opportunità per mettere la banca al centro dell‘atteso processo di aggregazione del settore.

Lo ha detto l‘AD Giuseppe Castagna nel corso del suo intervento durante la conferenza stampa per i 150 anni dell‘istituto.

Con il decreto “vedo l‘opportunità di mantenere Milano al centro del processo di sviluppo”, del Paese e “la nostra banca può essere al centro del processo di crescita e di aggregazione”.

Castagna non ha indicato che tipo di aggregazione potrebbe delinearsi e ha precisato che l‘argomento non sarà all‘ordine del giorno dell‘assemblea di aprile.

La banca, inoltre, non ha ancora affidato mandati ad advisor su eventuali operazioni anche se l‘AD ha parlato di “interlocutori attenti e interessati”.

“Non ci stiamo riflettendo, ma siamo pronti e preparati. Se questo processo ci sarà penso che Bpm potrà essere nel cuore di questo processo di aggregazione”, ribadisce l‘AD.

Secondo il banchiere, l‘iniziativa del governo sulle popolari comporterà un “cambiamento epocale” di tutto il comparto bancario italiano e Piazza Meda affronterà il cambiamento “con serenità” avendo le “spalle forti”.

“Non potevamo immaginare un momento migliore”, dice Castagna ricordando che la banca si presenta all‘importante appuntamento “alla fine di un percorso di risanamento” che ha rafforzato l‘istituto.

“Penso che questo Paese abbia bisogno più di due grandi banche ma di tre, quattro, cinque grandi banche che possano sostenere l‘economia”, dice.

Quanto alla tempistica della trasformazione in Spa, Castagna non definisce un percorso preciso, ma Bpm si prenderà “tutto il tempo necessario”, una volta che il decreto sarà convertito in legge.

“Credo che non ci sia bisogno di un mese o di 18 mesi, ma si tratta di trovare un progetto intelligente e di portarlo a compimento. Avremo tutto il tempo necessario per definire i processi giusti per non sbagliare. L‘importante è il risultato finale”.

In ogni caso, qualunque sia il futuro di Bpm, Castagna ha voluto sottolineare che l‘istituto milanese non perderà lo spirito e i valori da banca popolare.

“Non si può cancellare per decreto l‘essere popolare. Siamo popolari e lo rimarremo perché i valori che abbiamo sono una parte importante che vogliamo mantenere per il nostro futuro”.

(Andrea Mandalà)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below