February 6, 2015 / 3:54 PM / 2 years ago

PUNTO 1-Banche, rischio credit crunch con ratio capitale troppo severi-Panetta

4 IN. DI LETTURA

* Panetta - Regole vigilanza unica possono frenare crescita

* Nouy - SSM deve essere equo ma non può abbassare la guardia (Aggiunge Nouy, contesto)

di Giselda Vagnoni e Giuseppe Fonte

ROMA, 6 febbraio (Reuters) - Fabio Panetta, vice direttore generale della Banca d'Italia e membro del board del Single Supervisory Mechanism (SSM), vede una potenziale contraddizione tra la politica monetaria espansiva della Bce e la richiesta da parte della vigilanza unica di requisiti patrimoniali troppo severi alle banche della zona euro.

In un discorso preparato per un convegno della Fondazione Italianieuropei, Panetta ha detto che la Bce ha avviato il Quantitative easing proprio perché è "del tutto consapevole che rilanciare la crescita nominale nell'Eurozona è l'obiettivo principale".

In questo contesto, la politica prudenziale, ossia l'insieme di norme che regolamentano il sistema bancario, "deve stimolare il credito e la crescita. Ma in pratica non lo fa".

"I più recenti interventi macroprudenziali hanno irrigidito i requisiti di capitale, in risposta a problemi nazionali. Sommate alla stretta in corso a livello micro, queste misure possono aggravare i rischi di una crescita nominale persistentemente bassa", secondo il numero tre di Bankitalia.

Il mese scorso il Monte dei Paschi di Siena, la banca europea uscita peggio dall'esame della Bce sugli attivi, ha detto di aver ricevuto dal nuovo supervisore europeo la richiesta di un requisito patrimoniale superiore alle attese nell'ambito del Supervisory review and evaluation process (Srep).

Due fonti vicine alla vicenda hanno riferito a Reuters che la banca potrebbe aumentare di un miliardo l'aumento di capitale da 2,5 previsto per soddisfare le domande della Bce.

"Non è una sorpresa per nessuno che dovessimo svolgere analisi di questo genere (Srep)", ha osservato allo stesso convegno romano la numero uno dell'SSM Danièle Nouy prima dell'intervento di Panetta e senza alcun riferimento a situazioni specifiche.

"Stiamo lavorando su tutte le conseguenze dell'esercizio Bce, sia quantitative che qualitative", ha proseguito la presidente francese. "Stiamo monitorando il percorso delle banche verso la nuova normativa europea del 2019" di Basilea 3.

Nel suo intervento a braccio e in inglese, la Nouy ha anche detto che è proprio di una autorità di vigilanza "dover sempre pensare al peggio e ipotizzare lo scenario peggiore".

"Dobbiamo essere equi ma non possiamo abbassare la guardia".

Da tempo l'Associazione bancaria italiana (Abi) lamenta l'incertezza sul livello di capitale richiesto e la possibile prociclicità di una regolamentazione che, sostiene l'associazione, continua a guardare al credito ma non altrettanto ai rischi delle attività finanziarie.

Panetta ha osservato che in situazioni ordinarie non è un problema se una banca rafforza i suoi livelli di patrimonializzazione in un contesto in cui altri istituti aumentano la leva finanziaria.

"Ma se tutte le banche cercano di ridurre la leva contemporaneamente, questo può innescare un 'credit crunch', con ripercussioni negative sull'economia e sul sistema bancario stesso".

L'Unione bancaria, comunque, ha contribuito a stabilizzare la zona euro e ha generato "un forte impulso a migliorare l'efficienza del sistema finanziario", ha proseguito Panetta citando come esempio il decreto del governo italiano che obbliga le grandi banche popolari a trasformarsi in società per azioni entro 18 mesi.

Il provvedimento "può essere letto come parte di un più ampio sforzo di riforma per adeguare l'economia italiana ai migliori standard europei".

Ora, aggiunge il vice direttore generale di Bankitalia, bisogna evitare che il processo di integrazione europeo si blocchi di nuovo.

"Progressi in questa direzione sono particolarmente difficili in questo momento perché le forze centrifughe a livello nazionale sembrano forti", ha detto.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below